Passa ai contenuti principali

Fair Game - Caccia alla spia

Film tratto da una storia vera, ovvero la scoperta da parte di un agente della CIA Valerie Plame, interpretata da Naomi Watts, che le vere ragioni della guerra in Iraq non erano le armi di distruzione di massa che non si sono trovate, ma altre, questo fatto contribuirà a causarle un caos in famiglia e la sua scopertura, il film parla degli intrallazzi e degli intrighi della casa bianca per nascondere in tutti i modi la vera ragione, creando una sorta di  congiura, dando al popolo l'impressione  di fermare il vero nemico, quando il nemico è proprio colui che con la manipolazione dell'informazione invade le nazioni, per conquistarle, il marito di Valerie non ci sta, anche lui lavora alla CIA ma scrive un articolo e lo manda al più importante quotidiano americano, causando la scopertura della moglie che lavorerà nel controspionaggio per poter scoprire le carte in tavola e far sapere alla popolazione la verità sulla guerra in Iraq.
Doug Liman, si limita al film di denuncia, dirigendo una storia realmente accaduta, e affidandosi a due pezzi da novanta come Sean Penn e Naomi Watts, che con la loro presenza salvano almeno in parte il film.
E' innanzitutto il classico film di genere spionistico, in cui tutte le carte sono al posto giusto, non manca niente, ma una piccola eccezzione alla regola la poteva pur fare Liman, che si limita a dirigere il film non dando un punto di vista alla storia, e sarebbe stato un grande film, sono lontani i tempi della saga di Bourne, dove l'azione e la suspence non mancava, in questa ricetta non manca proprio nulla, è tutto costruito a dovere e di sana pianta, solo Penn e la Watts danno spessore a un film che sarebbe stato un qualsiasi film di cassetta senza di loro, ma nonostante ciò non si alza al di sopra della sufficienza, e la regia di Liman complica ulteriormente le cose, è una regia statica, non dinamica, non riesce a cogliere lo stato d'animo dei protagonisti, non da scene da cardiopalma, si limita ad essere un film di denuncia, e non mantiene ciò che il titolo promette, e con due attoroni come la Watts e Penn Liman poteva fare di più, invece si è limitato a fare il film di denuncia. Un occasione mancata...peccato.
Da vedere solo per Penn e la Watts.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.