Passa ai contenuti principali

J Edgar

La vita controversa, di J Edgar Hoover, che ha diretto con pugno di ferro L'FBI e ha servito diversi presidenti della repubblica americani in ben 50 anni di carriera, un personaggio controverso e contraddittorio, fisicamente non certo un bell'uomo ma che con l'interpretazione magistrale di Leonardo di Caprio, viene messo in luce soprattutto grazie al trucco per trasformarlo in Hoover.
Eastwood ritorna al cinema dopo lo splendido Hereafter e il sopravvalutato Invictus, con una pellicola che rischia di fare la fine del film citato prima, ma che grazie alla straordinaria bravura dei suoi interpreti e soprattutto della maestria di Eastwood  di dirigere il film, riesce a controbbilanciare questo rischio.
Un film complesso, un opera che riesce a sottolineare la storia degli stati uniti d'america attraverso lo sguardo di colui che ha creato Il Boureau of investigation, meglio conosciuto come L'FBI la polizia federale, ossessionato dal comunismo, e deciso a pigliare tutti i criminali d'america, ha delle geniali idee o potremo dire trovate, per poterli catturare, come catalogare le impronte digitali, in un archivio, per trovare facilmente i colpevoli e assicurarli alla giustizia, ma anche questo personaggio è controverso, il film sostiene la tesi dell'omosessualità di Hoover, un uomo molto attaccato alla madre, che ha sempre avuto un rapposto amichevole con le donne, e oltre all'interessamento dell'amicizia non è mai andato ma il film scava anche nel lato oscuro di Hoover, un personaggio discusso e odiato, per i suoi metodi poco ortodossi, addirittura accusato di violazione dei diritti umani sotto il maccartismo, un uomo che da direttore dell'FBI ha servito otto presidenti e che ha diretto con pugno di ferro il bureau con ottimi e innovativi risultati, Eastwood ne sottolinea, la vita, i successi, i fallimenti, grazie a una narrazione cinematografica intelligente e per nulla banale o retorica, anzi direi moderata dato il personaggio, che rinunciò a tutto per la carriera e per servire il suo paese, persino a sposarsi e a metter su famiglia.
Il film non è di certo un capolavoro, ma si lascia vedere bene, un ottima pellicola, girata da un autore che sa e conosce il personaggio che vuole raccontare.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Da non perdere ed io m'ero persa questo post.
    Il film m'è piaciuto molto ed ho trovato un cast eccezionale.

    RispondiElimina
  2. Precisiamo, sono una grande estimatrice di Clint Eastwood regista, da sottolineare ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.