Passa ai contenuti principali

Confidence La truffa perfetta

Come organizzare un colpo grosso rimescolando le carte? James Foley gioca col noir, con al centro una truffa, che non è una semplice truffa, ma è un colpo grosso, protagonista è Jake Vig, un abile truffatore abituale, che riesce anche grazie al suo complice il Re, a truffare la gente che coinvolge, con una trappola, quando ad esempio si accorge che per l'ultimo colpo, il Re è stato colui che lo ha messo in trappola con un altra truffa, fregandogli il malloppo decide di fare il colpo grosso, e mette su una banda, aggiungendoci anche Lily, una borseggiatrice conosciuta per caso con cui è scoccata la scintilla, ma a fargli le scarpe c'è un poliziotto che vuole incastrare Jack, ma è davvero così?
James Foley, mira un po' in alto, con il rischio di mettere troppa carne al fuoco, ma per la trama del film è la carta vincente, si perchè è un gioco al massacro, in cui tutto in apparenza non è come te lo vogliono far credere, ma per organizzare una truffa perfetta, bisogna giocare grosso e scegliere le pedine giuste, anche quando si rischia di finire male, non ha importanza, Foley costruisce personaggi in cui lo spettatore deve capire la loro psicologia, è un gioco ad incastro, in cui non si sa mai chi è colpevole o innocente, o se sono tutti coinvolti.
Confidence è un film dalla trama intelligente, è un gioco ad incastri, ricchissimo di colpi di scena, che ha il privilegio di tenere alta l'attenzione dello spettatore, è un gioco, in cui Foley si diverte come se giocassi a una partita a scacchi e devi capire chi è coinvolto nel gioco e che ruolo ha, potremmo definirlo gioco di ruolo? Perchè dentro una truffa tutti hanno un ruolo, e naturalmente tutti hanno un prezzo e soprattutto un debito, se devi imbrogliare, forse chi sta imbrogliando è coinvolto e coinvolge in un gioco al massacro i protagonisti, e di questi tempi per un noir con questa trama è giù qualcosa di appetitoso per lo spettatore.
Bravissimi tutti gli interpreti, in particolar modo Edward Burns e Rachel Weisz, che dovrebbe essere la dark lady, ma anche lei è coinvolta nel gioco, ma non sa esattamente che ruolo ha, è una pedina nelle mani di Jake, che gioca le sue carte e le rimescola a suo piacimento sotto il naso di tutti.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.