Passa ai contenuti principali

Confidence La truffa perfetta

Come organizzare un colpo grosso rimescolando le carte? James Foley gioca col noir, con al centro una truffa, che non è una semplice truffa, ma è un colpo grosso, protagonista è Jake Vig, un abile truffatore abituale, che riesce anche grazie al suo complice il Re, a truffare la gente che coinvolge, con una trappola, quando ad esempio si accorge che per l'ultimo colpo, il Re è stato colui che lo ha messo in trappola con un altra truffa, fregandogli il malloppo decide di fare il colpo grosso, e mette su una banda, aggiungendoci anche Lily, una borseggiatrice conosciuta per caso con cui è scoccata la scintilla, ma a fargli le scarpe c'è un poliziotto che vuole incastrare Jack, ma è davvero così?
James Foley, mira un po' in alto, con il rischio di mettere troppa carne al fuoco, ma per la trama del film è la carta vincente, si perchè è un gioco al massacro, in cui tutto in apparenza non è come te lo vogliono far credere, ma per organizzare una truffa perfetta, bisogna giocare grosso e scegliere le pedine giuste, anche quando si rischia di finire male, non ha importanza, Foley costruisce personaggi in cui lo spettatore deve capire la loro psicologia, è un gioco ad incastro, in cui non si sa mai chi è colpevole o innocente, o se sono tutti coinvolti.
Confidence è un film dalla trama intelligente, è un gioco ad incastri, ricchissimo di colpi di scena, che ha il privilegio di tenere alta l'attenzione dello spettatore, è un gioco, in cui Foley si diverte come se giocassi a una partita a scacchi e devi capire chi è coinvolto nel gioco e che ruolo ha, potremmo definirlo gioco di ruolo? Perchè dentro una truffa tutti hanno un ruolo, e naturalmente tutti hanno un prezzo e soprattutto un debito, se devi imbrogliare, forse chi sta imbrogliando è coinvolto e coinvolge in un gioco al massacro i protagonisti, e di questi tempi per un noir con questa trama è giù qualcosa di appetitoso per lo spettatore.
Bravissimi tutti gli interpreti, in particolar modo Edward Burns e Rachel Weisz, che dovrebbe essere la dark lady, ma anche lei è coinvolta nel gioco, ma non sa esattamente che ruolo ha, è una pedina nelle mani di Jake, che gioca le sue carte e le rimescola a suo piacimento sotto il naso di tutti.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.