Passa ai contenuti principali

Il buio si avvicina

Primo e finora unico horror diretto da kathryn Bigelow, ma la signorina ha imparato molto da John Carpenter  o si è ispirata a lui? Perchè a vedere questo horror, sembrerebbe di vedere uno dei mitici film di Carpenter, di certo è stato d'ispirazione per kathryn e si nota ad ogni inquadratura, Lance Herkinsen è un mito in questo film, e il ruolo di vampiro apocalittico e sui generis gli calza a pennello, gli altri attori sono praticamente sconosciuti, e nonostante ciò se la cavano abbastanza bene nelle loro interpretazioni, oltre ad Herkinsen abbiamo anche Bill Paxton, che diventerà celebre in alcuni film come Titanic e altri diretti da James Cameron, qui ci troviamo davanti a una pellicola di stampo indipendente, senza molti effetti speciali, ma al contempo ci troviamo davanti a un film con una robusta sceneggiatura, e una regia precisa e grintosa, e brava Kathryn, già nelle pellicole d'esordio ci fai capire di che pasta sei fatta, il che è un punto a suo favore, abbiamo visto in pellicole precedenti il suo grande talento, no? Qui è piuttosto accennato, ma la signora non tarda a farcelo conoscere e a farci capire quali sono i generi che predilige, come ho detto prima siamo ancora agli esordi, la pellicola è un vero cult per i cinefili piuttosto richiesto in giro, e i motivi sono molto evidenti, scene d'azione, mischiate con scene horror da cardiopalma, e lo dobbiamo dire, anche se Kathryn non fa film horror ma piuttosto d'azione che è il suo tema portante, devo dire che con il cinema di genere si sa destreggiare abbastanza bene, lo si nota nella sua direzione di attori in cui si capisce l'alchimia perfetta che vi regna nel cast.

uno dei pregi migliori del film è l'atmosfera, l'atmosfera malsana oscura, da discesa degli inferi che il nostro protagonista con il suo viaggio intraprende, grazie al morso di Maya, una vampira conosciuta per caso che gli tende una trappola, ma ben presto Caleb, capirà che per andare avanti deve unirsi al gruppo di vampiri, Il cui capo vuole che lui uccida qualcuno, per essere accettato nel gruppo, ma non sarà una lotta facile, la parte umana di Caleb è in lotta con la parte oscura, cioè quella parte che vuole prendere il sopravvento per trasformarlo definitivamente in vampiro, sarà una lotta vera e propria, senza esclusione di colpi, ed entrerà in conflitto anche con diversi vampiri, fino a quando la sua famiglia riesce a raggiungerlo, e allora la parte umana di Caleb, riesce a prendere il sopravvento, e qui le cose peggiorano, Caleb dovrà lottare con tutte le sue forze per salvare la sua famiglia e i vampiri non prendono sua sorella, e qui siamo al punto focale...
Un film che è un piccolo oggetto di culto, imperdibile se sei fan della Bigelow o ti appresti a diventarlo soprattutto per guardare il talento di questa donna che pur non toccando i suoi temi abituali è stata capace di fare un horror onesto, di quelli tosti.
La discesa agli inferi e il ritorno alla luce, un idea originale diretta da una regista tosta che sa quello che vuole e come donarlo al suo pubblico.
CULT.



Commenti

  1. Ne parlai anche io tempo fa.
    Non perfetto, ma davvero ribollente di talento ed energia.

    RispondiElimina
  2. Non ne avevo mai sentito parlare, ma sono curiosa di vedere come se l'è cavata Kathryn Bigelow!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.