Passa ai contenuti principali

Henry pioggia di sangue

Un Cult, uno di quei film che davvero sorprende per come sono stati girati, un piccolo oggetto tratto da un fatto realmente accaduto che colpisce per la potenza e la forza delle immagini, diretto da un autore all'esordio e interpretato da un attore interessante come Michael Rooker.
Dimenticate il classico thriller o horror incentrato su un serial killer, questo film è completamente diverso, anzi direi che è l'opposto dei classici film a cui siamo abituati, preparatevi ad assistere alla lucida analisi della psicologia di un assassino, e delle sue manie, dei suoi complici, e non da ultimo del suo mondo.
Non è un film facile, tutt'alpiù non è facile la visione, non c'è la polizia, non ci sono inseguimenti o scene d'azione, lo spettatore si trova faccia a faccia a dover guardare un serial killer e a comprenderlo, a capire, a osservare le sue gesta, i suoi perchè, qui non ci sono misteri da risolvere, ma solo una spietata messa in scena di un omicida, come se il film fosse il documentario della sua vita e della sua follia omicida, nonostante si nota il coraggio del suo autore, che ha tratto il film da un fatto realmente accaduto il serial killer nella realtà si chiamava Henry Lee Lucas qui potete leggere la sua biografia, il film non è altro che la sua confessione così come l'ha rilasciata alla polizia, la pellicola si basa solo su questo, quindi non possiamo sapere con esattezza se questa è la verità o sono bugie, nonostante ciò risulta molto affascinante e sconvolgente dal punto di vista emotivo.
Film girato con basso budget, quindi in maniera indipendente, mostra un McNaughton particolarmente intrigante sul punto di vista narrativo della storia, si incentra più sui personaggi che sulla tecnica cinematografica centrando in pieno il bersaglio che vuole colpire.
CULT.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.