Passa ai contenuti principali

The Artist

All'epoca del 3D, sembra sia quasi impensabile fare un film muto, anche dirigerlo, eppure Hazanavicius, regista dal cognome impronunciabile, ha accettato la sfida, risultato? Un grande grandissimo film, prima di tutto ci tenevo a dire che l'opera in se è una riflessione sul nostro passato e su cosa è stato il cinema, poi cosa più importante, una riflessione sulla comunicazione, non è facile fare un muto e gli attori protagonisti ci riescono benissimo a farlo, con semplici espressioni del viso o del corpo, è il loro corpo a parlare e avvolte il corpo esprime più di mille parole le emozioni e i sentimenti, cosa fondamentale ci sono due scene in cui il sonoro incombe minaccioso su George Valentin, interpretato da un bravissimo Jean Dujardin, candidato all'oscar per questo ruolo, nella prima scena quando gli oggetti cadono e si sente il rumore, e verso il finale, ma qui non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa, ma andiamo al film, che racconta, di una star del cinema Valentin appunto, che è un vero e proprio divo del cinema, un giorno Peppy Miller, una bellissima e giovane ragazza, si avvicina a lui per una foto, di colpo divengono la  coppia di divi più ricercati dai produttori, ma una minaccia incombe, l'arrivo del sonoro, mette a rischio la carriera di tanti altri attori, mentre Peppy Miller, diviene ancora più famosa, e ancora più ricca, un vero idolo per le platee, George invece rifiuta l'avvento del sonoro andando in rovina, e qui c'è la parte migliore del film, la perdita del successo, il confrontarsi con la povertà, con la grande depressione, con la sconfitta, con l'abbandono delle persone che ti stanno vicino, qui Dujardin da un interpretazione intensa, lui è capace anche di commuovere anche con un semplice sguardo, e l'unico che gli sta accanto è il cagnolino, che sarà la sua ancora di salvezza, per tornare ad avere fiducia nel prossimo, e Peppy? Anche lei innamoratasi di George, cerca in tutti i modi di salvarlo e di farlo tornare agli antichi fasti, sfidando persino i produttori, che ormai non credono più in George.
Hazanavicius, dirige un film fatto di emozioni, di malinconia, di sconfitta e di coraggio, ce ne fossero tanti film come questo al cinema, infatti è un opera ispirata, semplice, che fa conocere allo spettatore odierno, pippato di film fracassoni, il valore del nostro passato, quello fatto di cose semplici come l'amore, e la fiducia in se stessi, non sono molti i film così e lo devo dire, è un piccolo ma grande capolavoro, la sua regia non è mai invasiva, anzi rispetta i canoni dei muti degli anni venti con un innovazione in più, fare vivere chi guarda il film lo spettatore come fosse un personaggio del film stesso, questo film è un opera d'arte.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. gran bel film, un pò paraculo,festivaliero e ahimè pronto a sprofondare nel dimenticatoio insieme al Discorso del Re!

    RispondiElimina
  2. non sono d'accordo, il discorso del re è polpettone, questo invece non lo è, io l'ho trovato emozionante e coinvolgente, certo che se gli fanno fare la stessa fine è un peccato proprio :(

    RispondiElimina
  3. Lorant, paragonare questo a Il discorso del re vuol dire prendersi un sacco di bottigliate!
    Questo film è una MERAVIGLIA.

    RispondiElimina
  4. il film purtroppo non l'ho ancora visto, ma è uno dei miei must wanted di questa stagione anche perché Dujardin è un figo pazzesco e io amo il cinema di una volta

    RispondiElimina
  5. concordo con Ford, Hob03 non perdertelo proprio durante la visione ci sono dieci cento mille emozioni, finalmente è tornato il cinema di una volta, quello con la C maiuscola, Hazanavicius vuole che la gente riscopra il valore del cinema e the artist ne è la conferma :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.