Passa ai contenuti principali

The Artist

All'epoca del 3D, sembra sia quasi impensabile fare un film muto, anche dirigerlo, eppure Hazanavicius, regista dal cognome impronunciabile, ha accettato la sfida, risultato? Un grande grandissimo film, prima di tutto ci tenevo a dire che l'opera in se è una riflessione sul nostro passato e su cosa è stato il cinema, poi cosa più importante, una riflessione sulla comunicazione, non è facile fare un muto e gli attori protagonisti ci riescono benissimo a farlo, con semplici espressioni del viso o del corpo, è il loro corpo a parlare e avvolte il corpo esprime più di mille parole le emozioni e i sentimenti, cosa fondamentale ci sono due scene in cui il sonoro incombe minaccioso su George Valentin, interpretato da un bravissimo Jean Dujardin, candidato all'oscar per questo ruolo, nella prima scena quando gli oggetti cadono e si sente il rumore, e verso il finale, ma qui non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa, ma andiamo al film, che racconta, di una star del cinema Valentin appunto, che è un vero e proprio divo del cinema, un giorno Peppy Miller, una bellissima e giovane ragazza, si avvicina a lui per una foto, di colpo divengono la  coppia di divi più ricercati dai produttori, ma una minaccia incombe, l'arrivo del sonoro, mette a rischio la carriera di tanti altri attori, mentre Peppy Miller, diviene ancora più famosa, e ancora più ricca, un vero idolo per le platee, George invece rifiuta l'avvento del sonoro andando in rovina, e qui c'è la parte migliore del film, la perdita del successo, il confrontarsi con la povertà, con la grande depressione, con la sconfitta, con l'abbandono delle persone che ti stanno vicino, qui Dujardin da un interpretazione intensa, lui è capace anche di commuovere anche con un semplice sguardo, e l'unico che gli sta accanto è il cagnolino, che sarà la sua ancora di salvezza, per tornare ad avere fiducia nel prossimo, e Peppy? Anche lei innamoratasi di George, cerca in tutti i modi di salvarlo e di farlo tornare agli antichi fasti, sfidando persino i produttori, che ormai non credono più in George.
Hazanavicius, dirige un film fatto di emozioni, di malinconia, di sconfitta e di coraggio, ce ne fossero tanti film come questo al cinema, infatti è un opera ispirata, semplice, che fa conocere allo spettatore odierno, pippato di film fracassoni, il valore del nostro passato, quello fatto di cose semplici come l'amore, e la fiducia in se stessi, non sono molti i film così e lo devo dire, è un piccolo ma grande capolavoro, la sua regia non è mai invasiva, anzi rispetta i canoni dei muti degli anni venti con un innovazione in più, fare vivere chi guarda il film lo spettatore come fosse un personaggio del film stesso, questo film è un opera d'arte.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. gran bel film, un pò paraculo,festivaliero e ahimè pronto a sprofondare nel dimenticatoio insieme al Discorso del Re!

    RispondiElimina
  2. non sono d'accordo, il discorso del re è polpettone, questo invece non lo è, io l'ho trovato emozionante e coinvolgente, certo che se gli fanno fare la stessa fine è un peccato proprio :(

    RispondiElimina
  3. Lorant, paragonare questo a Il discorso del re vuol dire prendersi un sacco di bottigliate!
    Questo film è una MERAVIGLIA.

    RispondiElimina
  4. il film purtroppo non l'ho ancora visto, ma è uno dei miei must wanted di questa stagione anche perché Dujardin è un figo pazzesco e io amo il cinema di una volta

    RispondiElimina
  5. concordo con Ford, Hob03 non perdertelo proprio durante la visione ci sono dieci cento mille emozioni, finalmente è tornato il cinema di una volta, quello con la C maiuscola, Hazanavicius vuole che la gente riscopra il valore del cinema e the artist ne è la conferma :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.