Passa ai contenuti principali

The Artist

All'epoca del 3D, sembra sia quasi impensabile fare un film muto, anche dirigerlo, eppure Hazanavicius, regista dal cognome impronunciabile, ha accettato la sfida, risultato? Un grande grandissimo film, prima di tutto ci tenevo a dire che l'opera in se è una riflessione sul nostro passato e su cosa è stato il cinema, poi cosa più importante, una riflessione sulla comunicazione, non è facile fare un muto e gli attori protagonisti ci riescono benissimo a farlo, con semplici espressioni del viso o del corpo, è il loro corpo a parlare e avvolte il corpo esprime più di mille parole le emozioni e i sentimenti, cosa fondamentale ci sono due scene in cui il sonoro incombe minaccioso su George Valentin, interpretato da un bravissimo Jean Dujardin, candidato all'oscar per questo ruolo, nella prima scena quando gli oggetti cadono e si sente il rumore, e verso il finale, ma qui non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa, ma andiamo al film, che racconta, di una star del cinema Valentin appunto, che è un vero e proprio divo del cinema, un giorno Peppy Miller, una bellissima e giovane ragazza, si avvicina a lui per una foto, di colpo divengono la  coppia di divi più ricercati dai produttori, ma una minaccia incombe, l'arrivo del sonoro, mette a rischio la carriera di tanti altri attori, mentre Peppy Miller, diviene ancora più famosa, e ancora più ricca, un vero idolo per le platee, George invece rifiuta l'avvento del sonoro andando in rovina, e qui c'è la parte migliore del film, la perdita del successo, il confrontarsi con la povertà, con la grande depressione, con la sconfitta, con l'abbandono delle persone che ti stanno vicino, qui Dujardin da un interpretazione intensa, lui è capace anche di commuovere anche con un semplice sguardo, e l'unico che gli sta accanto è il cagnolino, che sarà la sua ancora di salvezza, per tornare ad avere fiducia nel prossimo, e Peppy? Anche lei innamoratasi di George, cerca in tutti i modi di salvarlo e di farlo tornare agli antichi fasti, sfidando persino i produttori, che ormai non credono più in George.
Hazanavicius, dirige un film fatto di emozioni, di malinconia, di sconfitta e di coraggio, ce ne fossero tanti film come questo al cinema, infatti è un opera ispirata, semplice, che fa conocere allo spettatore odierno, pippato di film fracassoni, il valore del nostro passato, quello fatto di cose semplici come l'amore, e la fiducia in se stessi, non sono molti i film così e lo devo dire, è un piccolo ma grande capolavoro, la sua regia non è mai invasiva, anzi rispetta i canoni dei muti degli anni venti con un innovazione in più, fare vivere chi guarda il film lo spettatore come fosse un personaggio del film stesso, questo film è un opera d'arte.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. gran bel film, un pò paraculo,festivaliero e ahimè pronto a sprofondare nel dimenticatoio insieme al Discorso del Re!

    RispondiElimina
  2. non sono d'accordo, il discorso del re è polpettone, questo invece non lo è, io l'ho trovato emozionante e coinvolgente, certo che se gli fanno fare la stessa fine è un peccato proprio :(

    RispondiElimina
  3. Lorant, paragonare questo a Il discorso del re vuol dire prendersi un sacco di bottigliate!
    Questo film è una MERAVIGLIA.

    RispondiElimina
  4. il film purtroppo non l'ho ancora visto, ma è uno dei miei must wanted di questa stagione anche perché Dujardin è un figo pazzesco e io amo il cinema di una volta

    RispondiElimina
  5. concordo con Ford, Hob03 non perdertelo proprio durante la visione ci sono dieci cento mille emozioni, finalmente è tornato il cinema di una volta, quello con la C maiuscola, Hazanavicius vuole che la gente riscopra il valore del cinema e the artist ne è la conferma :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…