Passa ai contenuti principali

La Mala educacion

Un film noir, possiamo definirlo così, e ci sono tutti gli ingredienti necessari per il noir, Almodòvar gira il suo film più difficile e complesso, e anche la pellicola più rischiosa, dove vendetta, tradimento, bugie vengono raccontati con spietata lucidità, in scena abbiamo un regista, Enrique in crisi di ispirazione - Almodòvar si racconta in prima persona? Questo non lo sapremo mai - il cui passato è stato segnato dall'amicizia con Ignacio, un ragazzino che è stato violentato da un prete e che nella loro vita adulta si sono persi di vista, Ignacio è stato il suo primo amore, e ora si presenta con un altro nome, facendogli leggere un racconto La Visita, in cui parla appunto della sua vita nel colleggio, e di padre Manolo, colui che era il suo insegnante di letteratura e che è stato la causa della loro separazione e del dolore causato al giovane in quanto ha subito la violenza  da quel prete, ma è anche la causa del desiderio di vendetta che si crea in lui grazie a quel racconto, la vita di Enrique è destinata a cambiare, come quella di Ignacio, riusciranno a portare alla luce quel segreto tanto temuto? Padre Manolo alla fine, si scoprirà che ha lasciato l'abito talare, e ha messo su famiglia, ora si chiama Manuel Berenguer e dirige una casa editrice, quando gli arriva il racconto di Ignacio, lo cestina, per paura che si scopra il suo passato terribile.
Innanzitutto è importante dire che il personaggio di Gael Garcia Bernal, vera e propria dark lady capace di catturare tutti i protagonisti con la sua ragnatela è il personaggio cardine della storia, naturalmente usa l'identità di Ignacio, per catturare l'attenzione di Enrique, quando questi scoprirà che non è il suo amico grazie a diversi particolari, come la dimenticanza della canzone preferita di Ignacio, che è cuore matto e della discussione che ne viene fuori, e anche tante altre cose, come ad esempio la sua insistenza nel voler interpretare il personaggio di Zahara, che non è adatto a lui, in quanto è fisicamente troppo robusto per interpretarla, l'amore per il cinema di Sara Montiel, e la passione erotica che nasce tra loro, Enrique ben presto scoprirà che è Juan il fratello di Ignacio, che è tornato per sedurre le persone che sono state strettamente legate a suo fratello e prenderne l'identità per far scoprire la verità sulla vita di Ignacio, non si perderà tempo che anche Enrique scopre la verità sul suo vecchio amico, e anche sulla sua fine che è strettamente legata a Juan e al suo strano rapporto con Berenguer.
Pedro dirige un noir dove ci sono tutte le carte in regola per catturare lo spettatore, e ci riesce immensamente, è un film dell'anima, passionale, dove la vendetta è l'unico cardine che unisce i personaggi facendoli cadere nella sua trappola, le carte in tavola saranno ben chiare alla fine, dove si scoprirà anche la verità sulla fine di Ignacio.
Un film potente, lacerante, un capolavoro in cui Pedro dimostra tutta la sua critica nei confronti della chiesa cattolica che predica bene e razzola male, lasciando che lo spettatore capisca che i preti in realtà non sono fatti per essere educatori, e ha ragione, perchè grazie ai loro limiti dettati dalla religione non danno ai loro alunni la possibilità di guardare oltre i crismi religiosi.
In conclusione un film lontano dalle pellicole che ha fatto in precedenza, anni luce direi, eppure si avvicina molto di più dall'essere un capolavoro assoluto, potrei dire un piccolo capolavoro, un cult, di quelli di cui non ti stanchi mai, grazie a una regia sensibile e acuta, e a un cast di attori meraviglioso, a prima vista potrebbe sembrare eccessivo ma non lo è, nonostante scene gay e di travestitismo, è il film che è così, e sono scene perfettamene integrate tra loro, come se Pedro volesse dire cos'è il peccato l'omosessualità o la pedofilia dei preti? Perchè essere intolleranti con i gay, quando i preti avvolte commettono peccati ben più gravi? Soprattutto in questo film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Cavolo, ma lo sai che ero convinta di averlo visto? Sarà il titolo che mi è piaciuto da subito e l'ho ripetuto più volte nel corso della mia vita, ma ora che leggo la tua recensione mi rendo conto che no...la mala educaciòn non l'ho mai visto! E stavolta è imperdonabile!
    Devo rimediare quanto prima!

    RispondiElimina
  2. dai veditelo XD poi mi dici se ti è piaciuto ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…