Passa ai contenuti principali

Midnight in Paris

Eccocci qui, signore e signori, vi presento uno dei film migliori di questa stagione cinematografica, eh si il vecchio Woody ne sa una più del diavolo e lo dimostra, allontanatosi dalla precedente pellicola con Antonio Banderas e Naomi Watts, con Midnight in Paris ritrova la freschezza e i fasti che più lo rappresentano, e considerando che in una stagione di grandi nomi quali Cronenberg e Polanski che sono risultati piuttosto deludenti, Midnight si distanzia da loro, è un film divertente e spensierato, diretto da un autore particolarmente ispirato, che vuole rinnovarsi in modo originale e accattivante, riuscendoci in pieno, protagonista è il bravissimo Owen Wilson, che ha recitato molte volte insieme all'amico Ben Stiller, in questo film è il protagonista assoluto, ed è brillante, e intelligente, oltre che spiritoso, Allen riesce a dirigerlo e a dirigere tutto il film come se esistesse un alchimia tra lui, Owen e tutto il cast, ma veniamo al film e alla sua trama, Gil, uno scrittore in crisi di ispirazione fa un viaggio a Parigi con la sua fidanzata Ines, in cui deve decidere anche se mettere o no la testa a posto, insomma si trova a un bivio nella sua vita, fattosta che una sera cerca di allontanarsi e di prendere un po' d'aria, e succede quello che non si sarebbe mai immaginato, si ritrova invaso nei ruggenti anni venti, esattamente quando una macchina gli si accosta vicino, così conosce Salvador Dalì, Ernest Hemingway, Pablo Picasso, e altri ancora, che riescono a ispirarlo per scrivere il suo romanzo, tanto che notte dopo notte, si ritrova più coinvolto del giorno precedente, e questo causerà l'allontanamento dalla sua vita e dalla sua epoca, si ritrova così coinvolto, che si riconosce meglio accanto a questi personaggi che nella sua vita presente, si innamora anche di Adriana, la giovane amante di uno di loro, interpretata da una strepitosa Marion Cotillard, e sarà proprio lei a prendere la decisione di lasciare che ognuno viva la sua epoca, ma forse l'amore per lui è proprio dietro l'angolo, basta accettare il proprio mondo che la porta del suo cuore bussa di nuovo per una misteriosa fanciulla conosciuta al mercato delle pulci.
Un ritrovato Woody Allen che dirige una commedia spensierata, fresca, come non succedeva da tempo, film davvero ottimo, piacevole da gustare rilassandosi e divertendosi, menzione speciale a Owen Wilson che senza dubbio batte tutti quanti, pollice verso  invece per la nostra Carla Bruni, ma che ci fa in questo film? Sembra una gatta morta, ah che fa fare essere la moglie di Sarkozy, per il resto, film da collezzionare senza dubbio.


Commenti

  1. Concordo in pieno.
    Un film magico e leggero, eppure profondissimo.
    Grande ritorno di Allen.

    RispondiElimina
  2. era davvero ora che Allen si risollevasse nel suo posto che era da un pò impolverato e colmo di ragnatele, gran film, gran cast, e sopratutto sceneggiatura magnifica! Big Up!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.