Passa ai contenuti principali

Intervista a Manuel L Boleyn

Ecco l'ennesima intervista, stavolta è un grande amico che si è sottoposto alla mia intervista ci conosciamo da tempo e ha voluto partecipare anche lui all'iniziativa ecco cosa ci racconta
________________________________________________________________________________

Nickname: Manuel L. Boleyn
Racconta con parole semplici come è iniziato il tuo amore per il cinema: Ho sempre avuto la passione del Cinema. Forse è quasi una tradizione familiare. Da bambino mio padre lavorava in un cinema e lì ha avuto l'opportunità di potersi fare una grande cultura cinematografica tanto da fargli amare il cinema in età adulta. Molti dei film che amo adesso sono suoi consigli. E sicuramente non è mancato, durante l'infanzia, l'acculturamento anche da parte di mio nonno. Credo che però il vero amore per il Cinema sia maturato in adolescenza, quando grazie ad un amico ho iniziato ad approfondire i grandi capolavori. Forse è da quel momento che ho cominciato a pensare che il mio futuro sarebbe stato all'insegna del Cinema...


Primo regista preferito? Sicuramente colloco al primo posto l'Uomo (con la U maiuscola!) che mi ha fatto amare il puro Cinema: François Truffaut. Inutile nascondere che sia il mio regista preferito, in assoluto, pur riconoscendo la bravura e l'eccezionalità di altri autori che sono a suo pari e oltre. E' più un fattore sentimentale, in questo caso. Credo che Truffaut sia stato il regista che più ha condizionato la mia vita.
Ora elenca tutti gli altri registi che ti piacciono: Jean-Luc Godard, Elem Klimov, Larisa Shepitko, Lars Von Trier, Ingmar Bergman, Carl Theodor Dreyer, Robert Bresson, Charlie Chaplin, Marco Bellocchio, Francesco Rosi e molti, moltissimi altri.
Elenca i film della tua vita: Al primo posto metterei "Le due inglesi" di François Truffaut che sicuramente è quello che più si avvicina al mio concetto di opera cinematografica che un giorno mi piacerebbe poter offrire a un pubblico (si sogna troppo, sì). Aggiungo inoltre capolavori come "Persona" di Bergman, "Au hasard Balthazar" di Bresson, "Pierrot Le Fou" di Godard, "L'ascesa" di Larisa Shepitko, "Ordet" e "La passione di Giovanna d'Arco" di Dreyer, ma la lista sarebbe troppo lunga!


Elenca 5 film che vorresti consigliarci, per una futura recensione alla fabrica: Spero di poter leggere un giorno qualche recensione in più su film che vengono, purtroppo, troppo poco notati. Parlo dei film di Larisa Shepitko e di Elem Klimov (che ahimé anch'io, grazie a una persona cara, ho conosciuto troppo tardi e che sto pian piano approfondendo). In particolare mi riferisco a "L'ascesa" della Shepitko e a "Va e vedi" di Klimov. Ma molti sono i capolavori che purtroppo vengono ignorati dalla massa e per questo subiscono un trattamento non dissimile dalla damnatio memoriae. Andate oltre e concedetevi ai film che non arrivano nel nostro Paese!


I film che sconsigli: (Tutti i gusti sono gusti, accettiamo qualsiasi cosa, perchè il bello è crescere con la conoscenza e scambiare opinioni) 
Come dici tu, i gusti son gusti, quindi sconsigliare un film mi risulta alquanto difficile. Inutile dire di stare alla larga dei filmetti stupidi sfornati dall'attuale Italia e dalla modernissima Hollywood (mi riferisco in particolare alle commediole stupide). Vorrei azzardare adesso, e sconsigliare i film stupidi che hanno successo e vengono acclamati dalla critica senza alcuna motivazione; esempio lampante è il "Somewhere" della Coppola che a mio parere è da buttare nel cesso (parlando con tutto rispetto).

 
I film che odi a priori: Non vorrei ripetermi, ma le attuali commediole su cui investono migliaia di euro e dollari sono sicuramente da evitare per salvaguardare il futuro del Cinema. Non parliamo poi dei continui thriller e horror coperti da un alone di trash che supera l'immaginazione dell'umano...


I tuoi Guilty Pleasures?: (Ovvero film che piacciono solo a te ma che la maggioranza dei critici ha stroncato, hehe ce li abbiamo tutti i peccatucci nascosti)
Esatto, tutti si concedono i peccati, è vero. Il mio peccato più grande è sicuramente "Lolita" di Adrian Lyne. So che a molti può fare storcere il naso ma sicuramente lo preferisco al "Lolita" di Kubrick che è stato in grado di stravolgere un capolavoro della letteratura senza saperne cogliere il senso, la poesia, il significato. Non che il film di Lyne sia migliore ma sicuramente il rapporto presentato in quella pellicola è molto più somigliare a quello descritto nel libro che (leggetelo se non lo avete fatto) è pura poesia.


I film che vorresti vedere ma ancora non hai visto? Mi vergogno ma ancora mi manca gran parte dei film di Bresson, Chaplin e autori gigantissimi del cinema occidentale e non.

Commenti

  1. Grazie mille, Arwen. E' sempre un piacere parlare con te di Cinema!

    RispondiElimina
  2. Un sacco di ottimi spunti, Manuel.
    Anche se, pensa, io della Coppola salverei praticamente solo Somewhere! ;)

    RispondiElimina
  3. Ti dirò, ho così tanto odiato quel film da rivalutare la sua capacità e il suo talento. Se i primi film erano stati portati a termine da una grande ispirazione, Somewhere, a mio parere, è stato il frutto di qualcosa che voleva essere solamente commerciale. Ma ovviamente i gusti son gusti e difatti il film ha diviso la critica, molti pensano sia un film bello e molti che non lo sia. Si attende un suo futuro lavoro sperando che si dimostri come una regista con i fiocchi e non come una donna che va avanti grazie al nome.

    RispondiElimina
  4. grande persona (intendo il film eheh)!
    ma su somewhere e lolita non sono per nulla d'accordo.. :)

    RispondiElimina
  5. anche io ma come si dice, i gusti sono gusti, hehehe comunque è sempre bello confrontarsi con diversi punti di vista ^^

    RispondiElimina
  6. Beh per Lolita vi do ragione, Kubrick è Kubrick, per questo ho detto che il film di Lyne è uno di quei pochi film brutti che mi piacciono, ma solo perché l'essenza del libro è stata colta in pieno, non per altro. Purtroppo a livello di regia scarseggia un bel po'...per Somewhere, beh, gusti :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.