Passa ai contenuti principali

Good Morning Vietnam

Goooood Morning Vietnaaaaaaaaaam, è con questo urlo che Adrian comincia la sua trasmissione radiofonica sulla stazione radio del fronte vietnamita, e che sarà la compagnia di soldati che combattono, e sarà anche la rivelazione dello straordinario talento di Robin Williams, uno degli attori più famosi di tutti i tempi e anche uno dei più amati.
Alla regia c'è Barry Levinson, con cui tornerà a lavorare con Williams nel bellissimo e sottovalutato Toys, questo film è la loro prima collaborazione insieme, che dire, è un film fantastico, un film che parla soprattutto della speranza, in un momento tragico nella vita degli esseri umani come la guerra, il conflitto contro una popolazione, da parte di una nazione come l'america che vuole conquistare il vietnam, come ho detto prima è una storia di speranza, e quella speranza è la voce di Adrian (Williams) che con la sua voce e soprattutto il suo spirito e il suo umorismo, tiene compagnia ai soldati, rendendo il fronte un po' meno tragico, le voci alle radio possono essere questo e altro, soprattutto se vogliono parlare di cose tragiche o della verità che ci sta dietro la guerra, Williams offre un interpretazione superlativa, e fa conoscere alle masse il suo enorme talento, sia nel far ridere che nella recitazione. Adrian è il personaggio cardine del film, il fulcro centrale della storia e si dovrà confrontare anche con l'amicizia quasi impossibile con un giovane vietnamita, per poi scoprire che tutto ciò in cui credeva, e che i valori come la tolleranza e l'amicizia, sono spazzate via dagli ideali fanatici di un gruppo di terroristi, si vede l'angoscia, la tristezza del nostro protagonista, e il suo arrendersi di fronte all'evidenza dei fatti, tutti sentimenti che Williams riesce benissimo a tradurre nello schermo, ma di fronte alla guerra non esiste l'amicizia, esiste solo un illusione che viene spazzata via dagli ideali, questo cambierà profondamente Adrian, e soprattutto il suo modo di vedere le cose, ma non cambierà affatto la voglia di migliorare le cose, che lui ha sempre portato avanti durante la trasmissione, cosa che i capi della radio non ammettono, anche perchè le notizie devono prima passare a setaccio, prima che vengano passate alla radio dai cittadini, meglio coprire ciò che la gente non può sapere, questo fa si che Adrian entri in conflitto con coloro che gestiscono la radio, ma alla fine vincerà lui e il suo umorismo, ampiamente richiesto dal suo pubblico.
Uno dei migliori film di Levinson, che è un atto d'accusa contro la guerra e contro l'intolleranza che ne causa, un grido di speranza, uscito dalla bocca di un attore straordinario come Williams.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.