Passa ai contenuti principali

L'odio

Film che fotografa una violenza, simbolo di uno scontro tra la povertà, dei ragazzi di strada con la polizia, inizia con un pugno nello stomaco, con il pestaggio da parte della polizia di un giovane e la conseguente rivolta dei ragazzi dei quartiere parigino Banlieue, il ragazzo è ricoverato in fin di vita con la sorveglianza della polizia.
Mathieu Kassovitz dirige un opera dura, fotografata in bianco e nero per dare allo spettatore il senso di angoscia e imprimerlo nel profondo del suo animo, riuscendo persino a captare lo stato d'animo dei protagonisti, facendo si che anche lo spettatore si metta nei loro panni, e carpisca i loro sentimenti, la loro tristezza, il loro degrado, tutto quanto, protagonista è un allora giovanissimo Vincent Cassell, attore di grande talento, che in futuro interpreterà ruoli altrettanto complessi, lui interpreta Vinz, uno per cui essere teppista vuol dire essere tutto, e pretendere soprattutto sia il rispetto che essere qualcuno all'interno del quartiere, sarà la mina vagante di quello che succederà, crede inoltre che tutto deve essere conquistato con la violenza, gli altri suoi amici pur odiando il ghetto c'è chi ha imparato a conviverci, e c'è chi odia tutto quanto, e vorrebbe cambiare le carte in tavola, ma non ha i mezzi per farlo.
Un film immenso, doloroso, recitato da un cast in forma smagliante e diretto magistralmente da colui che sarà per molti film, il partner cinematografico di Vincent Cassell, e questa è la sua opera seconda, che nonostante ciò un opera intensa, sentita, la cui violenza è descritta in modo sottile ma forte, oddio non ci sono scene impressionanti, questo no, ma emotivamente, il che per un regista alle prime armi è già un punto a suo favore, ma attenzione non è una violenza fine a se stessa, ma una violenza che critica le azioni della polizia e li denuncia, un ritratto amaro di una gioventù, che non ha uno spiraglio di luce nel suo cammino, nè di speranza.
In conclusione, un film che è un piccolo cult da collezionare.


Commenti

  1. il Kassovitz pure, autoriale, con intensità e azione. film eccezionale che fu purtroppo anche anticipatore di fatti poi avvenuti

    RispondiElimina
  2. io l'ho trovata una pellicola immensa bravissimo Vincent Cassell, attore che ammiro molto :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.