Passa ai contenuti principali

Le idi di Marzo

Il ritorno di George Clooney al cinema non poteva essere che con un film polemico, sul dietro le quinte delle primarie per eleggere il presidente degli stati uniti, il tutto raccontato attraverso lo sguardo di Stephen Meyers, (Ryan Gosling) l'addetto stampa del governatore  Mike Morris (George Clooney), e si trova implicato in una storia di bugie e ricatti, per far cadere Morris, che dal canto suo ha una storia con una stagista che ha messo incinta (Evan Rachel Wood) e che per la vergogna che la cosa si sappia si suiciderà. Il film è uno spietato ritratto sulla corruzzione del potere e sul modo in cui si schiacciano gli altri pur di arrivare alla poltrona, non importa se si usano mezzi leciti o illeciti, non importa nulla, la cosa più importante è il potere, per questo il film mostra come la parola democrazia oggi sia svuotata del tutto, e che non abbia valore alcuno, Stephen conoscerà di persona i loschi meccanismi del potere, all'inizio cercherà di condannarli e farà in modo di migliorare le cose, ma alla fine capirà che non ne vale la pena, perchè il mondo non cambia dall'oggi al domani. E' un George Clooney particolarmente ispirato che dirige questo film negli anni in cui Obama è presidente, un opera interessante che mostra una certa maturità espressiva, che già aveva fatto capolino in un film come Good Night and Good Luck prossimamente alla fabrica, ma qui Clooney si spinge oltre, se allora era la televisione a smascherare il potere grazie all'informazione, adesso è il dietro le quinte della politica a mostrare tutto il suo marcio, e poco importa se a pagarne le conseguenze sia una vita umana, poco importa se a giocare con Stephen sia un altro addetto stampa di un altro politico, Stephen è dentro un gioco più grande di lui, e non tarderà a carpirne le conseguenze, e questa volta la imparerà la lezione? O si limiterà a ridurne i danni per l'immagine del candidato che sostiene? Le idi di Marzo segna il ritorno alla regia di George Clooney e al cinema di Ryan Gosling già ammirato quest'anno in Drive e nella commedia divertente Crazy Stupid Love, e direi che non sbaglia un film, con questo fa un ulteriore salto di qualità dimostrando di saper scegliere i copioni e i film giusti. D'altro canto anche la regia di Clooney non scherza affatto, spietata, lucida, a tratti fredda, come del resto è freddo il mondo che deve rappresentare, in conclusione, un film magistrale, un opera amara e spietata sui retroscena del potere.
DA COLLEZZIONARE.

                                                              


Commenti

  1. gran bel film, ennesima conferma per Clooney che oltre ad esser un grande attore dietro la mdp ci sa fare!

    RispondiElimina
  2. io lo preferisco più come regista, anche se da attore ha fatto prove interessanti, tra le mie preferite ci sono i film con i Coen, imperdibili ^^

    RispondiElimina
  3. Clooney credo abbia finito di dimostrare che non è solo sorrisi, pubblicità e sex-appeal. Bel film.

    (E' la mia prima volta su questo blog, complimenti)

    RispondiElimina
  4. si è vero, benvenuto alla fabrica e grazie per i complimenti ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.