Passa ai contenuti principali

Una Tragica Scelta - Inhale

Ci troviamo di fronte a un film sul drammatico traffico degli organi umani, dove una coppia, di cui lui è medico, deve salvare la vita alla propria figlioletta, che necessita di un trapianto di polmoni, ma il tempo stringe, e stare fermi alla lista d'attesa significa che la bambina rischia di morire, cosa si può fare? Una soluzione c'è, un trapianto illegale, ma la corsa contro il tempo è rischiosa e piena di insidie, il giovane medico all'inizio è riluttante all'idea, ma quando si accorge che non c'è nessun altra possibilità per salvare la piccola allora accetta sotto consiglio di una dottoressa, dopo aver saputo che un professore ha fatto un trapianto illegale, ma andare in quei luoghi prima di tutto è fare i conti con chi vive nella povertà, ma sarà un bambino a dargli una mano, un tipino alquanto sveglio che conosce la strada e soprattutto l'uso delle armi, dovrà confrontarsi persino con dei brutti ceffi, alla fine scoprirà una realtà alquanto dura e dolorosa, che gli farà prendere una decisione difficile e complicata, ma però sarà quella giusta...
Komàrkur dirige un film asciutto, notevole, la sua telecamera vira e guizza sui volti degli attori, per fare toccare lo stato d'animo dei protagonisti allo spettatore, il mondo confortevole non esiste più a confronto con il mondo che il giovane medico conoscerà e con cui si confronterà, il suo obiettivo è salvare la vita di sua figlia, e per farlo è disposto a tutto, ma questo tutto ha un limite, come vedrete voi nel film, se i medici hanno preso l'organo in maniera illegale, lui prende la difficile decisione di rifiutare quell'organo, pur rendendosi conto che questa scelta segnerà la fine della vita di sua figlia, ma la vita si rispetta, qualsiasi vita si rispetta, prelevare un organo da un donatore consensiente è una cosa, ma prelevarlo da una persona che non ha dato il suo consenso è omicidio, alla fine salverà la vita del bambino a cui è stato tolto l'organo illegalmente, perchè per questo motivo lui ha preso la difficile scelta, per salvare una vita, se quella di sua figlia non può essere salvata, si salva quella di quel bambino, è una decisione tragica, difficile, ma è quella giusta, non si può recidere una vita umana, per salvare un altra vita umana.
Un film intenso ed emozionante, come ho detto prima è adrenalinico, la mdp riesce a scivolare nella storia quasi come lo spettatore si trovasse in mezzo ai protagonisti, ne senti tutti i dettagli, le emozioni, i palpiti, lo scandire dell'orologio che segna il tempo che rimane che è sempre di meno, la tensione che cresce, il dolore tutto, e Komàrkur grazie alla sua regia accurata, ci fa comprendere il dolore dei protagonisti, rendendoci parte del film, che è girato in maniera documentaristica, e viscerale, il regista non perde tempo in inutili sentimentalismi e lo dimostra scena dopo scena.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.