Passa ai contenuti principali

La Morte corre sul fiume

Ecco un film che ha fatto storia, di scena abbiamo un predicatore assassino, che con la figura di un agnello, e dopo essere uscito di prigione, impalma e sposa la moglie di un suo compagno di cella solo per prendere i soldi che ha nascosto, dopo che ha saputo che ha nascosto i soldi da qualche parte, la donna, distrutta dal dolore per la perdita del marito (una grandissima Shelley Winters) accetta di sposare quell'uomo, ispirata dal suo aspetto rassicurante  e dalle ideologie religiose che rasentano sicurezza, il matrimonio si rivelerà un vero inferno, fatto di minacce e ripicche, a cui anche i figli, che hanno capito la natura maligna dell'uomo che ha sposato la loro madre, come una specie di sesto senso hanno capito che il male si nasconde nelle cose più rassicuranti, ma solo in apparenza, infatti i bambini hanno ragione, perchè mai lui rifiuta di far l'amore con la moglie? E perchè mai chiede con insistenza ai figli dove il padre ha nascosto i soldi? Sarà una lotta senza esclusione di colpi, dall'inizio alla fine, quando ritroveranno il cadavere della donna, e i bambini scappano dal mostro travestito da agnello e vanno da una signora che si prende cura di loro e li aiuta, perchè si prende cura anche di altri ragazzini scappati di casa, anche lei non si arrende davanti all'aspetto da agnellino del predicatore e lo allontana a malo modo, saranno proprio quei bambini a farlo catturare e a farlo rinchiudere in una prigione dove gli daranno la pena di morte.
Un film entusiasmante sotto ogni punto di vista, che all'epoca quando uscì segnò sia l'esordio che la fine della carriera registica dell'attore Charles Laughton, ma che oggi viene riconosciuto come un capolavoro assoluto del cinema, menzione speciale va senza dubbio a un grandissimo Robert Mitchum, mai così inquietante e rassicurante al punto giusto, il film è una pietra miliare nella storia del cinema americano, al punto tale da ispirare altri film del genere.
Da non perdere assolutamente, CAPOLAVORO ASSOLUTO.




Commenti

  1. tra i massimi capolavori di sempre, con una fotografia curatissima, in b/n lucido. Alcune scene della fuga in barca le ho usate a lungo come sfondi del desktop.
    Mitchum un attore che oggi non ha di paragonabili.

    RispondiElimina
  2. Uno dei dieci film irrinunciabili della Storia.
    Gigantesco in ogni suo aspetto.

    RispondiElimina
  3. la tensione non ti lascia dall'inizio alla fine, magistrale Robert Mitchum attore che piace molto a mia madre, e da poco anche a me ^^ ho preso anche la versione originale di cape fear, uno di questi giorni lo vedo e lo metto in lista d'attesa ^^

    RispondiElimina
  4. grande!
    l'unico film decente che ho scoperto grazie a mr. ford! ahahah :)

    RispondiElimina
  5. aaaaaaaaah di questo ne sono molto contenta, è divertente il vostro controbbattere sempre XD ma qualcuno dovra farvi fare un duello in battaglia prima o poi ^^

    Ps: Ford è bravissimo anche io ho conosciuto film grazie a lui, che presto vedrò e recensirò ^^

    RispondiElimina
  6. Grande Fabrica che ha ripescato questo magistrale film ....

    RispondiElimina
  7. Grazie XD cerco sempre nel grande calderone blogghistico i film migliori, li guardo e poi li recensisco XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.