Passa ai contenuti principali

La signora della porta accanto

Continua il cinema di Truffaut alla fabrica dei sogni, eh ma ragazzi questo è un filmone, uno di quelli tosti, una passione bruciante e impossibile, la cui dicitura famosissima è nè con te, nè senza di te, da sottolineare l'amore impossibile e doloroso dei due protagonisti, una bravissima Fanny Ardant - allora compagna di Truffaut - e un sorprendente Gerard Depardieu.
Il destino ha voluto che Mathilde e Bernard, un tempo amanti, che si sono lasciati con rabbia e si sono amati con una grandissima passione, si ritrovano vicini di casa, Bernard con famiglia a carico, e Mathilde sposata con un uomo  più grande di lei, quando si reincontrano di nuovo la passione riesplode, viva, violenta, incontenibile, un amore di quelli che non si possono nascondere facilmente, ne tantomeno viverli facilmente, un amore divorante, impossibile, che porterà ben presto Mathilde vicino alla depressione.
La signora della porta accanto è un film difficile e complesso, su un rapporto d'amore doloroso e divorante, che cancella tutta la vita tranquilla che Bernard e Mathilde hanno costruito con i rispettivi compagni, e nonostante ciò vi è anche l'impossibilità di viverlo, il dolore, la rabbia, la gelosia, tutto concentrato in un grandissimo calderone che culmina nella scena in cui Bernard picchia selvaggiamente Mathilde, segno che la loro passione è uscita dal loro controllo, non possono contenerla più, non ci sarà un lieto fine, non ci saranno fiori, coccole e dolcezze, solo un amore divorante e distruttivo, che finirà di distruggere tutto.
La pellicola che è magistralmente diretta da un Truffaut che vuole mostrare diciamo una passione incazzata, questa volta, un amore che non può essere vissuto nè tantomeno non vissusto, cioè è una cosa che fa impazzire, e farà impazzire Mathilde, che si renderà conto che quell'amore che ha segnato indelebilmente la sua vita la distruggerà sia nell'animo che psicologicamente, e non c'è altra via da prendere se non quella di finire tutto quanto, nel modo più tragico possibile, perchè per lei è ormai impossibile vivere così. La bellezza del film sta che è parecchio lontano, da coccole, smancerie varie, è un piccolo noir, un pugno nello stomaco, che senza fronzoli varie fa riflettere sulla natura malsana avvolte dell'amore.
CAPOLAVORO.



Commenti

  1. i film di Truffaut sono praticamente tutti sfumature della parola Capolavoro.

    RispondiElimina
  2. puoi dirlo forte Robertino, avoglia se è così, e questo E' un signor capolavoro, adoro Truffaut ^^

    RispondiElimina
  3. Capolavoro, a dir poco. Fra tutti i film di Truffaut sicuramente questo è il più cupo e misterioso. Aleggia, per tutto il film, un'aria che ti mantiene il fiato sospeso fino ad arrivare a un finale prevedibile ma che in fondo non ti saresti mai aspettato. Credo che Truffaut non abbia mai finito un film in questo modo, anzi, ne sono sicuro. Fra tutte le sfaccettature dell'amore che lui ci ha dato, questa è forse la più cruenta, la più macabra, e forse la più reale. Certo è che, come sappiamo, l'amore per Truffaut non è mai stato qualcosa di facile e di sempre riuscito. Basta guardare film come "Le due inglesi" per capirlo. Ho colto solo un brivido, un accenno di speranza, in "La mia droga si chiama Julie".
    Brava Arwen che ha recensito questo capolavoro! Ti aspetto anche nel mio blog :D

    RispondiElimina
  4. eh si ci puoi giurare, si questo è il truffaut più doloroso, e più cupo, d'altronde lo dice anche la didascalia, nè con te, nè senza di te ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.