Passa ai contenuti principali

Intervista a Dino Romans

Ed ecco che c'è la terza intervista, questa volta è Dino Romans  che ci racconta il suo cinema preferito, prego a te la parola Dino
______________________________________________________________________________


Nickname
Dino Romans

Racconta con parole semplici com'è iniziato il tuo amore per il cinema
Con il primo videoregistratore arrivato a casa mia (lo so sto parlando di età preistoriche). Ho iniziato a comprare nella città madre della pirateria, Napoli, città che mi ha dato i natali ed in cui ho passato l'adolescenza, ogni tipo di videotape: dagli horror ai porno, dai film di Nanni Moretti a quelli di Francesco Nuti, da Kubrick a Paul Thomas Anderson (per me Magnolia è stato formativo). Il risultato è stato il videoregistratore infuocato di visioni e la convinzione che le immagini erano per me la miglior forma di comunicazione: "Non c'è parola a cui non si accompagna fulmineamente un'immagine" (P.Paolo Pasolini).


Primo regista preferito:
Penso sia stato Kubrick con la visione di Shining (quando ancora non sapevo chi era Kubrick) o, forse, Emir Kusturica con quella di Underground (in questo caso sapevo chi era Kusturica).

Tutti gli altri registi che ti piacciono:
Werner Herzog, Luis Bunuel, Gus Van Sant, Lars Von Trier, David Lynch, Wim Wenders (guide spirituali). 
Paul Thomas Anderson, Cohen, Quentin Tarantino, Guy Ritchie, Guillermo Del Toro, Tim Burton, Nicolas Winding Refn, Pedro Almodovar, Hayao Miyazaki (per ubriacarmi e godere di cinema). 
Bernardo Bertolucci, Pier Paolo Pasolini, Luchino Visconti, Mario Monicelli, Pappi Corsicato, Matteo Garrone, Paolo Sorrentino (i grandi italiani).

Elenca i film della tua vita:
Magnolia, Barry Lyndon, Dogville, Le fate ignoranti, Il cielo sopra Berlino, Ferro3, Intervista col vampiro, Kill Bill, Non è un paese per vecchi, Spider, RocknRolla, American beauty, L'imbalsamatore, Fragola e cioccolato, Pulp fiction, Il castello errante di Howl, Le conseguenze dell'amore, Io sono l'amore, The million dollar hotel, Strade perdute, Tutto su mia madre, Il talento di Mr Ripley

Elenca 5 film da consigliare per una futura recensione alla fabrica:
- 4 mesi 3 settimane 2 giorni (che ancora non ho visto così mi dici) - London Boulevard (che a me è piaciuto e a tanti no) - The Hunter (una delle belle sorprese del 2011) - Corpo celeste (una delle poche pellicole italiane degne di recensione) - The Elephant Man (uno dei primi David Lynch e uno dei primi Anthony Hopkins)

I film che sconsigli e che odio a priori?:
Metto insieme queste due categorie e, naturalmente, per primi, è scontato dire Brizzi, lazzi e Vanzi vari. Direi poi tutti quelli di mazzate senza senso e un pò ridicol alla Steven Seagal. Quasi tutti quelli con Bruce Willis e Mel Gibson con pochissime eccezioni per Willis. Tutti quelli con Jim Carey ed Eddy Murphy (mio gusto personale, non li reggo). I sequel dei sequel, i remake di remake, i prequel, i reboot....tranne le saghe fantastiche che adoro.

I tuoi guilty pleasure:
Ho adorato e visto tante volte i "Sapore di mare" dei Vanzina (non so però la critica cosa ne pensava all'epoca, forse erano un pò diversi da quelli attuali). Più recentemente Priest e L'ultimo dominatore dell'aria, che in giro ho visto massacrati da critici e blogger. 

I film che vorresti vedere e che non hai ancora visto:
Shame, 50/50, The Human Centipede, The Inkeepers, il sequel di RocknRolla (dicono sia in preparazione).

Commenti

  1. Ma hai avuto problemi con l' impaginazione del post o semplicemente poco tempo? (: scherzo, grazie della ospitata e dell'intervista che mi ha fatto fare una sorta di analisi delle origini della mia passione per il cinema...da tempo non ci pensavo a com'era iniziata ed è un buon esercizio

    RispondiElimina
  2. eh si è sempre bello ricordare XDDD

    RispondiElimina
  3. Intervista interessante, anche qui ho trovato film a cui sono legata!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.