Passa ai contenuti principali

Intervista a Dino Romans

Ed ecco che c'è la terza intervista, questa volta è Dino Romans  che ci racconta il suo cinema preferito, prego a te la parola Dino
______________________________________________________________________________


Nickname
Dino Romans

Racconta con parole semplici com'è iniziato il tuo amore per il cinema
Con il primo videoregistratore arrivato a casa mia (lo so sto parlando di età preistoriche). Ho iniziato a comprare nella città madre della pirateria, Napoli, città che mi ha dato i natali ed in cui ho passato l'adolescenza, ogni tipo di videotape: dagli horror ai porno, dai film di Nanni Moretti a quelli di Francesco Nuti, da Kubrick a Paul Thomas Anderson (per me Magnolia è stato formativo). Il risultato è stato il videoregistratore infuocato di visioni e la convinzione che le immagini erano per me la miglior forma di comunicazione: "Non c'è parola a cui non si accompagna fulmineamente un'immagine" (P.Paolo Pasolini).


Primo regista preferito:
Penso sia stato Kubrick con la visione di Shining (quando ancora non sapevo chi era Kubrick) o, forse, Emir Kusturica con quella di Underground (in questo caso sapevo chi era Kusturica).

Tutti gli altri registi che ti piacciono:
Werner Herzog, Luis Bunuel, Gus Van Sant, Lars Von Trier, David Lynch, Wim Wenders (guide spirituali). 
Paul Thomas Anderson, Cohen, Quentin Tarantino, Guy Ritchie, Guillermo Del Toro, Tim Burton, Nicolas Winding Refn, Pedro Almodovar, Hayao Miyazaki (per ubriacarmi e godere di cinema). 
Bernardo Bertolucci, Pier Paolo Pasolini, Luchino Visconti, Mario Monicelli, Pappi Corsicato, Matteo Garrone, Paolo Sorrentino (i grandi italiani).

Elenca i film della tua vita:
Magnolia, Barry Lyndon, Dogville, Le fate ignoranti, Il cielo sopra Berlino, Ferro3, Intervista col vampiro, Kill Bill, Non è un paese per vecchi, Spider, RocknRolla, American beauty, L'imbalsamatore, Fragola e cioccolato, Pulp fiction, Il castello errante di Howl, Le conseguenze dell'amore, Io sono l'amore, The million dollar hotel, Strade perdute, Tutto su mia madre, Il talento di Mr Ripley

Elenca 5 film da consigliare per una futura recensione alla fabrica:
- 4 mesi 3 settimane 2 giorni (che ancora non ho visto così mi dici) - London Boulevard (che a me è piaciuto e a tanti no) - The Hunter (una delle belle sorprese del 2011) - Corpo celeste (una delle poche pellicole italiane degne di recensione) - The Elephant Man (uno dei primi David Lynch e uno dei primi Anthony Hopkins)

I film che sconsigli e che odio a priori?:
Metto insieme queste due categorie e, naturalmente, per primi, è scontato dire Brizzi, lazzi e Vanzi vari. Direi poi tutti quelli di mazzate senza senso e un pò ridicol alla Steven Seagal. Quasi tutti quelli con Bruce Willis e Mel Gibson con pochissime eccezioni per Willis. Tutti quelli con Jim Carey ed Eddy Murphy (mio gusto personale, non li reggo). I sequel dei sequel, i remake di remake, i prequel, i reboot....tranne le saghe fantastiche che adoro.

I tuoi guilty pleasure:
Ho adorato e visto tante volte i "Sapore di mare" dei Vanzina (non so però la critica cosa ne pensava all'epoca, forse erano un pò diversi da quelli attuali). Più recentemente Priest e L'ultimo dominatore dell'aria, che in giro ho visto massacrati da critici e blogger. 

I film che vorresti vedere e che non hai ancora visto:
Shame, 50/50, The Human Centipede, The Inkeepers, il sequel di RocknRolla (dicono sia in preparazione).

Commenti

  1. Ma hai avuto problemi con l' impaginazione del post o semplicemente poco tempo? (: scherzo, grazie della ospitata e dell'intervista che mi ha fatto fare una sorta di analisi delle origini della mia passione per il cinema...da tempo non ci pensavo a com'era iniziata ed è un buon esercizio

    RispondiElimina
  2. eh si è sempre bello ricordare XDDD

    RispondiElimina
  3. Intervista interessante, anche qui ho trovato film a cui sono legata!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.