Passa ai contenuti principali

Duel

Steven Spielberg, per la sua pellicola d'esordio dirige un opera asciutta, magistrale, che fa capire subito allo spettatore di che pasta è fatto, non sceglie la più classica delle fiabe con cui negli anni si farà conoscere, ma va subito al sodo, con una pellicola ad alta tensione, un piccolo film passato anche alla televisione, che racconta di un automobilista inseguito da un camion apparentemente senza motivo, sarà l'inizio di un incubo che non avrà una fine facile, non appena si incrociano per strada, i due si sfidano ad un duello, senza esclusione di colpi, ma chi è che guida il camion? Perchè ce l'ha con lui? Questo non lo sapremo mai, ma possiamo intuirlo, sarà un fantasma? Un demone? per tutta la durata del film allo spettatore non è dato sapere chi perseguita quell'incauto o meglio dire quel ingenuo automobilista che doveva solo ritornare a casa sua dalla sua famiglia, si avverte il pericolo ad ogni scena, in cui sembra che questo signore crede sia finita, e invece non è finita per niente, perchè il camion non molla la presa, finchè la vittima designata non muore, chi la spunterà?
Un film che  è un gioco ad incastri, un opera a basso costo, con cui Spielberg getta le basi per la sua carriera futura di cineasta geniale, tanto che anche Fellini lo loda come pellicola, un film fatto con pochi mezzi, allora il cinema si faceva così, ma che tiene alta la tensione e fa rabbrividire lo spettatore dall'inizio alla fine, un ottimo thriller, un grandissimo thriller che vira verso l'horror puro, perchè non sai chi è che guida quel camion e soprattutto non sai cosa vuole da te, il nostro amico dovrà prendere tutte le sue forze per contrastare colui che lo vuole uccidere, e sarà una battaglia senza esclusione di colpi.
Per me che adoro Spielberg è stata la prima volta che lo vedevo ed è stata una  vera e propria sorpresa constatare che con un esordio, sia stato capace di dirigere una pellicola spiccia, semplice, ma che riesce a inquietarti con poche e semplici scene.
Ed è ancora di più sbalorditivo, constatare, che un giovane regista, venticinquenne, sia riuscito a girare un film con pochi fronzoli che è stato capace di entrare degnamente nell'olimpo del grande cinema.
CAPOLAVORO.




Commenti

  1. questo è lo spielberg che adoro, e non war horse diavolo!! CULTISSIMO DUEL, grandissima Arwen

    RispondiElimina
  2. Stupendo, un esordio con i controfiocchi.
    Tensione a mille ad ogni visione, gestione del ritmo perfetta.

    RispondiElimina
  3. Azz, questo me lo sono perso.
    Aggiungo :D

    RispondiElimina
  4. ah, i tempi in cui potevo ancora considerare spielberg un regista!
    :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.