Passa ai contenuti principali

Zero Dark Thirty

Ci siamo, eccocci giunti alla recensione della nuova pellicola di Kathryn Bigelow, è un film duro anzi durissimo, è inutile guardarci intorno e cercare happy endings e facili sentimentalismi, questo film o lo si ama, o lo si odia non ci sono vie di mezzo.
Si perchè è un opera complessa, che tratta un argomento delicato, ovvero la cattura e la presunta uccisione di Obama Bin Laden e con un argomento del genere non c'è da stare tranquilli.
Il film ha fatto discutere e non poco l'opinione pubblica, il che è anche comprensibile, ci sono scene di violenza, ma d'altronde con un film del genere cosa vi aspettate delle scene d'amore?
Avvolte anche io che l'ho apprezzato mi stupivo di come la Bigelow abbia tirato la corda, ma se tu devi raccontare una storia dura non puoi fare altrimenti.
Fattostà che tecnicamente ci troviamo un soggetto diverso da The Hurt Locker, ma stilisticamente migliore per impatto drammatico la cui narrazione non scivola mai nel banale.
A differenza dal precedente film è un film narrato, la Bigelow sceglie di narrare la storia di come la squadra di agenti segreti americani, cercano di catturare il più pericoloso terrorista mondiale, ma non si ferma solo alla cronaca della cattura, vuole raccontare i suoi protagonisti, ma anche la gente che si trova costretta suo malgrado a difendere l'indifendibile, a cappare, a mentire.
Certo recensire un film come Zero Dark Thirty non è affatto facile, primo perchè ci troviamo davanti a una pellicola controversa, che non è un capolavoro ma sicuramente è un grande film, quindi noi spettatori o recensori, ci troviamo davanti a un dilemma se apprezzare o meno cosa abbiamo visto, sinceramente l'impatto emotivo è notevole, molto spesso le scene sono al limite del sopportabile, anche se sinceramente sono legati alla trama, ma è un dato di fatto; è un opera notevole c'è poco da fare.
Sicuramente non è e non sarà mai un capolavoro, ma certamente è un film capace di far riflettere sulla natura distruttiva degli esseri umani.
A lor signori che si sono permessi di far confronti tra Kathryn Bigelow e Leni Riefenstal, dico loro che del film non hanno capito niente, e che la prima non è affatto una regista di regime, come a differenza lo era la seconda, solo perchè ha deciso di dirigere questo film, perchè sinceramente parlando poteva benissimo fare un film da grandi incassi e ne avrebbe guadagnato in popolarità.
E invece ha fatto un opera coraggiosa difficile e complessa, che merita tantissime visioni, ripeto il film non è un capolavoro, ma è sicuramente un opera da collezionare.
Bravissima Jessica Chastian come sempre, la sua nomination agli oscar è stata strameritata, anche gli altri attori non sono affatto male.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.





Commenti

  1. uno dei migliori dell'anno. La Bigelow non sbaglia un colpo, concordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bigelow è una grandissima regista ^_^

      Elimina
  2. anche per me è uno dei film dell'anno...

    RispondiElimina
  3. leni riefenstal?
    ma chi è che ha tirato fuori questo paragone? *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o non hanno visto il film o sono degli idioti o entrambe le cose

      Elimina
  4. Io ritengo che sia un capolavoro assoluto. Il migliore nel descrivere come sia la guerra nel XXI secolo. E Jessica Chanstain meritava un Oscar grande cosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono daccordo sulla descrizione della guerra nel XXI secolo e anche su Jessica Chastian, ma non so se è un capolavoro assoluto, ma sicuramente è un grande film :)

      Elimina
  5. questa volta siamo in sintonia. Un film serrato, duro e bello. Non era facile ma la Bigelow c'è riuscita.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.