Passa ai contenuti principali

Zero Dark Thirty

Ci siamo, eccocci giunti alla recensione della nuova pellicola di Kathryn Bigelow, è un film duro anzi durissimo, è inutile guardarci intorno e cercare happy endings e facili sentimentalismi, questo film o lo si ama, o lo si odia non ci sono vie di mezzo.
Si perchè è un opera complessa, che tratta un argomento delicato, ovvero la cattura e la presunta uccisione di Obama Bin Laden e con un argomento del genere non c'è da stare tranquilli.
Il film ha fatto discutere e non poco l'opinione pubblica, il che è anche comprensibile, ci sono scene di violenza, ma d'altronde con un film del genere cosa vi aspettate delle scene d'amore?
Avvolte anche io che l'ho apprezzato mi stupivo di come la Bigelow abbia tirato la corda, ma se tu devi raccontare una storia dura non puoi fare altrimenti.
Fattostà che tecnicamente ci troviamo un soggetto diverso da The Hurt Locker, ma stilisticamente migliore per impatto drammatico la cui narrazione non scivola mai nel banale.
A differenza dal precedente film è un film narrato, la Bigelow sceglie di narrare la storia di come la squadra di agenti segreti americani, cercano di catturare il più pericoloso terrorista mondiale, ma non si ferma solo alla cronaca della cattura, vuole raccontare i suoi protagonisti, ma anche la gente che si trova costretta suo malgrado a difendere l'indifendibile, a cappare, a mentire.
Certo recensire un film come Zero Dark Thirty non è affatto facile, primo perchè ci troviamo davanti a una pellicola controversa, che non è un capolavoro ma sicuramente è un grande film, quindi noi spettatori o recensori, ci troviamo davanti a un dilemma se apprezzare o meno cosa abbiamo visto, sinceramente l'impatto emotivo è notevole, molto spesso le scene sono al limite del sopportabile, anche se sinceramente sono legati alla trama, ma è un dato di fatto; è un opera notevole c'è poco da fare.
Sicuramente non è e non sarà mai un capolavoro, ma certamente è un film capace di far riflettere sulla natura distruttiva degli esseri umani.
A lor signori che si sono permessi di far confronti tra Kathryn Bigelow e Leni Riefenstal, dico loro che del film non hanno capito niente, e che la prima non è affatto una regista di regime, come a differenza lo era la seconda, solo perchè ha deciso di dirigere questo film, perchè sinceramente parlando poteva benissimo fare un film da grandi incassi e ne avrebbe guadagnato in popolarità.
E invece ha fatto un opera coraggiosa difficile e complessa, che merita tantissime visioni, ripeto il film non è un capolavoro, ma è sicuramente un opera da collezionare.
Bravissima Jessica Chastian come sempre, la sua nomination agli oscar è stata strameritata, anche gli altri attori non sono affatto male.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.





Commenti

  1. uno dei migliori dell'anno. La Bigelow non sbaglia un colpo, concordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bigelow è una grandissima regista ^_^

      Elimina
  2. anche per me è uno dei film dell'anno...

    RispondiElimina
  3. leni riefenstal?
    ma chi è che ha tirato fuori questo paragone? *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o non hanno visto il film o sono degli idioti o entrambe le cose

      Elimina
  4. Io ritengo che sia un capolavoro assoluto. Il migliore nel descrivere come sia la guerra nel XXI secolo. E Jessica Chanstain meritava un Oscar grande cosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono daccordo sulla descrizione della guerra nel XXI secolo e anche su Jessica Chastian, ma non so se è un capolavoro assoluto, ma sicuramente è un grande film :)

      Elimina
  5. questa volta siamo in sintonia. Un film serrato, duro e bello. Non era facile ma la Bigelow c'è riuscita.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.