Passa ai contenuti principali

Il Pescatore di sogni

Un film di buoni sentimenti, è questo quello che viene in mente quando si parla de Il Pescatore di sogni, ma andiamo al dunque: sappiamo tutti che Lasse Hallström non è un grandissimo regista, ma ha la capacità di raccontare storie che parlano al cuore dello spettatore.
Ed è il caso di questo film, che si presenta come il classico prodotto di chi ama il cinema che mette confezioni industriali di Kleenex, ma non è così, innanzitutto presenta personaggi scontenti della vita che conducono il protagonista, Alfred Jones interpretato da un sempre bravo Ewan McGregor - di cui ultimamente ho una stima particolare per lui - il quale riceve una email curiosa di uno yemenita che lo invita a costruire una baia per la pesca dei salmoni.
In un primo momento non tiene conto dell'offerta ma poi non appena la rilegge si convince di accettarla, e proprio accettando l'offerta conosce una ragazza di cui piano piano si innamorerà, Harriet - interpretata da Emily Blunt.
La pesca per l'allevamento dei salmoni nel film diventa una metafora della vita e delle piccole cose ormai perdute che l'uomo troppo preso dalla vita frenetica non riesce a cogliere.
Lasse Hallström costruisce il film come una fiaba, e forse è questo il suo più grande difetto, perchè costruendolo su basi più realistiche ne avrebbe giovato parecchio e l'empatia sarebbe stata più immediata,
L'origine letteraria del film rende difficile l'immediatezza con cui la storia dovrebbe colpire e fare centro, invece questo non succede, ed è un peccato perchè il film ha molte probabilità che non vengono sfruttate a pieno,
Resta comunque una favola senza pretese che può piacere o meno, ma ogni tanto fa piacere vedere, anche per staccare la spina tra un film impegnato e un altro, certo se volete vedere un film più appassionato non è il titolo che fa per voi, chiariamolo subito, ma se volete un opera spensierata che non pretende comprensioni impossibili o chili di kleenex allora fa per voi.
NON MALE.




Commenti

  1. Lo devo recuperare per una classica serata divano-senza-pensieri (tranne quelli per Ewan ;) )!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente, non posso che darti ragione :)

      Elimina
  2. eh sì, niente di fenomenale però piacevole!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.