Passa ai contenuti principali

Il Pescatore di sogni

Un film di buoni sentimenti, è questo quello che viene in mente quando si parla de Il Pescatore di sogni, ma andiamo al dunque: sappiamo tutti che Lasse Hallström non è un grandissimo regista, ma ha la capacità di raccontare storie che parlano al cuore dello spettatore.
Ed è il caso di questo film, che si presenta come il classico prodotto di chi ama il cinema che mette confezioni industriali di Kleenex, ma non è così, innanzitutto presenta personaggi scontenti della vita che conducono il protagonista, Alfred Jones interpretato da un sempre bravo Ewan McGregor - di cui ultimamente ho una stima particolare per lui - il quale riceve una email curiosa di uno yemenita che lo invita a costruire una baia per la pesca dei salmoni.
In un primo momento non tiene conto dell'offerta ma poi non appena la rilegge si convince di accettarla, e proprio accettando l'offerta conosce una ragazza di cui piano piano si innamorerà, Harriet - interpretata da Emily Blunt.
La pesca per l'allevamento dei salmoni nel film diventa una metafora della vita e delle piccole cose ormai perdute che l'uomo troppo preso dalla vita frenetica non riesce a cogliere.
Lasse Hallström costruisce il film come una fiaba, e forse è questo il suo più grande difetto, perchè costruendolo su basi più realistiche ne avrebbe giovato parecchio e l'empatia sarebbe stata più immediata,
L'origine letteraria del film rende difficile l'immediatezza con cui la storia dovrebbe colpire e fare centro, invece questo non succede, ed è un peccato perchè il film ha molte probabilità che non vengono sfruttate a pieno,
Resta comunque una favola senza pretese che può piacere o meno, ma ogni tanto fa piacere vedere, anche per staccare la spina tra un film impegnato e un altro, certo se volete vedere un film più appassionato non è il titolo che fa per voi, chiariamolo subito, ma se volete un opera spensierata che non pretende comprensioni impossibili o chili di kleenex allora fa per voi.
NON MALE.




Commenti

  1. Lo devo recuperare per una classica serata divano-senza-pensieri (tranne quelli per Ewan ;) )!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente, non posso che darti ragione :)

      Elimina
  2. eh sì, niente di fenomenale però piacevole!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.