Passa ai contenuti principali

Gangster Squad

Allora, prima di cominciare è bene precisare una cosa, non fate paragoni con altre pellicole come Gli intoccabili, L.A. Confidential, la filmografia di Scorsese soprattutto e via dicendo.
Si perchè prima di tutto non centra niente, poi perchè si sprecherebbero parole e spazio per dire eh ma loro certe cose le fanno meglio, questo film non è del tutto riuscito etc etc etc...
Non so quale sia l'esatto aggettivo per definire questo film, che oltretutto mette un cast di attori da capogiro, si fa da Sean Penn a Josh Brolin, per passare a Ryan Gosling e Emma Stone.
Tutto qui? Sembrerebbe di si, ma nonostante i nomi altisonanti c'è ben poco nella struttura di questo film, innanzitutto allontanandosi da una rappresentazione personale e autoriale di ciò che sono le regole del genere gangsteristico - tra l'altro scritte da registi ben più talentuosi di lui -  ha fatto il più grosso sbaglio che un regista può fare soprattutto se vuole dirigere un film del genere, non si diventa innovatori se non si è capaci di prendere e rimescolare le regole, non siamo mica Howard Hawks, o De Palma o anche Cimino.
Ruben Fleischer dirige un film patinatissimo, sprecando un cast di attori di grande talento, dirigendo un film che non aggiunge altro al genere gangsteristico, la regia è banale e confusa, non riesce a catturare al meglio la storia, i protagonisti e il loro punto di vista, spreca un attore dal talento gigantesco come Sean Penn la cui interpretazione di Mickey Coen sembra una maschera, piuttosto che un immedesimazione, cioè a spiegarlo con parole semplici la rappresentazione di Penn nel film sembra non sentita fino in fondo, e con lui tutti gli altri attori, che sono completamente schiacciati da una regia che non li lascia esprimere a pieno i loro personaggi per dirigere un film alla sua maniera che non riesce ad essere innovativo, o originale, anzi non c'è nulla di tutto ciò.
La trama racconta di un gruppo di poliziotti che vuole mettere i bastoni nelle ruote a Mickey Cohen gangster che ha parecchi legami con molte persone importanti, e che è molto difficile da incastrare, ci penseranno due poliziotti a cercare di farlo fuori dal giro cercando di incastrarlo, forse con l'aiuto della pupa di Cohen, ma le cose non saranno mai come appaiono.
Precisando che un autore per dirigere un film deve dare qualcosa di se, non si può fare un opera senza dare il tocco d'autore che è riconoscibile presso il grande pubblico, la storia non è male, e ha un forte potenziale che nelle mani di un regista più capace sarebbe diventato qualcosa di eccezzionale, invece resta solo un filmetto, forse un po' fuori dalla realtà che avrebbe potuto essere qualcosa di più di un semplice titolo da intrattenimento, resta il fatto che è un film deludente, in cui avevo un po' di aspettative dopo che ne ho sentito parlare in giro sul web, questo film è come un dolce troppo zuccherato, dopo che l'hai buttato giù ti rimane solo un senso di disgusto, fosse stato un po' speziato magari ne avrebbe guadagnato di più, peccato.
In conclusione, un film per essere grande deve saper parlare al pubblico, ma deve avere un anima, deve suscitare emozioni, questo film dopo la visione si dimentica, e va via senza lasciare alcuna traccia.
DELUDENTE






Commenti

  1. Hai ragione non sorprende, tuttavia non mi ha deluso...un buon intrattenimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non c'è tutto da buttare ma in giro c'è decisamente meglio ^_^

      Elimina
  2. In tutta onestà lo trovo uno dei film più scarsi dell' anno fino ad ora. Penn sembra plastificato tanto silicone gli hanno messo come make up. E mi fermo qua e vado a prendere un Malox. Mamma mia.

    RispondiElimina
  3. non è che mi aspettassi più di tanto ma per quel poco che si vede di interessante non m'è dispiaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io l'ho trovato falso, sia nella rappresentazione dei personaggi che nella regia, un po' di intrattenimento non basta a fare un buon film, e comunque de gustibus ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.