Passa ai contenuti principali

Silkwood

Film tratto da una storia realmente accaduta.
Molti film risultano banali storie, alcuni sono ben costruiti e cercano di sensibilizzare l'opinione pubblica, altri ancora invece sono dei piccoli capolavori, come il caso di Silkwood.
Dietro questo film c'è la mano di un veterano del cinema, Mike Nichols, che chi lo conosce bene ha saputo provocare gli spettatori di tutto il mondo con il suo cinema pungente e trasgressivo.
Silkwood invece racconta di una donna, Karen Silkwood, che dopo aver scoperto di avere il cancro  comincia ad indagare sulla fabbrica in cui lavora.
Ci sono parecchi scheletri nell'armadio che vengono tenuti nascosti dai proprietari, ma Karen, scrupolosa non si arrende davanti a nulla, nemmeno a persone senza un briciolo di scrupolo, e ben presto comincia a dare fastidio questa sua indagine sulla fabbrica in cui lavora.
Come mai ha preso il tumore? Semplice, perchè lavorando con materiale nucleare si corrono dei rischi e le persone non vengono avvertite che possono contrarre questa terribile malattia.
Il tutto viene taciuto, insabbiato in nome del dio denaro, e da gente interessata solo ad arricchirsi sulle spalle di ignari lavoratori, non appena Karen scopre gli imbrogli li vuole portare alla luce, ma qualcuno la zittirà prima che possa cominciare a parlare.
Un film di denuncia, chiaro, incisivo che non lascia spazio a facili interpretazioni, Mike Nichols sceglie una narrazione schietta, decisamente a favore dei lavoratori, completamente succubi di padroni interessati più al conto in banca che alla loro salute.
Il cast di attori annovera nomi come Meryl Streep, in una delle sue migliori interpretazioni, Cher nel ruolo della sua migliore amica che la appoggia nella sua scelta, e Kurt Russell in un ruolo diverso dai personaggi in cui il pubblico lo conosce, regalando una interpretazione spiccata e sincera.
La cosa che più colpisce di questo film è il suo voler non essere confortante con il pubblico, come voler spiattellare una terribile verità e viene narrato in maniera talmente sincera che fa centro a primo colpo.
Una scelta realistica sconvolgente che fa pensare sui tanti segreti di certe fabbriche, che con faciloneria fanno i soldi fregandosene di chi lavora per loro, e Mike Nichols mette tutto sotto accusa cercando di fare aprire gli occhi allo spettatore.
E questo vale più di tanti sermoni.
CAPOLAVORO





Commenti

  1. Hai ripescato davvero un grande capolavoro. Sul tema del nucleare è secondo forse solo a "Sindrome cinese".

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.