Passa ai contenuti principali

Silkwood

Film tratto da una storia realmente accaduta.
Molti film risultano banali storie, alcuni sono ben costruiti e cercano di sensibilizzare l'opinione pubblica, altri ancora invece sono dei piccoli capolavori, come il caso di Silkwood.
Dietro questo film c'è la mano di un veterano del cinema, Mike Nichols, che chi lo conosce bene ha saputo provocare gli spettatori di tutto il mondo con il suo cinema pungente e trasgressivo.
Silkwood invece racconta di una donna, Karen Silkwood, che dopo aver scoperto di avere il cancro  comincia ad indagare sulla fabbrica in cui lavora.
Ci sono parecchi scheletri nell'armadio che vengono tenuti nascosti dai proprietari, ma Karen, scrupolosa non si arrende davanti a nulla, nemmeno a persone senza un briciolo di scrupolo, e ben presto comincia a dare fastidio questa sua indagine sulla fabbrica in cui lavora.
Come mai ha preso il tumore? Semplice, perchè lavorando con materiale nucleare si corrono dei rischi e le persone non vengono avvertite che possono contrarre questa terribile malattia.
Il tutto viene taciuto, insabbiato in nome del dio denaro, e da gente interessata solo ad arricchirsi sulle spalle di ignari lavoratori, non appena Karen scopre gli imbrogli li vuole portare alla luce, ma qualcuno la zittirà prima che possa cominciare a parlare.
Un film di denuncia, chiaro, incisivo che non lascia spazio a facili interpretazioni, Mike Nichols sceglie una narrazione schietta, decisamente a favore dei lavoratori, completamente succubi di padroni interessati più al conto in banca che alla loro salute.
Il cast di attori annovera nomi come Meryl Streep, in una delle sue migliori interpretazioni, Cher nel ruolo della sua migliore amica che la appoggia nella sua scelta, e Kurt Russell in un ruolo diverso dai personaggi in cui il pubblico lo conosce, regalando una interpretazione spiccata e sincera.
La cosa che più colpisce di questo film è il suo voler non essere confortante con il pubblico, come voler spiattellare una terribile verità e viene narrato in maniera talmente sincera che fa centro a primo colpo.
Una scelta realistica sconvolgente che fa pensare sui tanti segreti di certe fabbriche, che con faciloneria fanno i soldi fregandosene di chi lavora per loro, e Mike Nichols mette tutto sotto accusa cercando di fare aprire gli occhi allo spettatore.
E questo vale più di tanti sermoni.
CAPOLAVORO





Commenti

  1. Hai ripescato davvero un grande capolavoro. Sul tema del nucleare è secondo forse solo a "Sindrome cinese".

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.