Passa ai contenuti principali

Contraband

Chris Farraday è un padre di famiglia il cui passato torna a bussare alla sua porta non appena suo cognato fa sparire la merce.
Per paura che possa parlare Chris accetta di fare un ultimo colpo di contrabbando, a Panama andata e ritorno, per prendere delle banconote contraffatte, ma all'ultimo momento c'è una complicazione, e Chris dovrà usare la sua abilità per recuperare le banconote e  far si che alla sua famiglia non succede niente di male.
Film voluto e prodotto dallo stesso Mark Whalberg, che interpreta Chris Farraday, un giovane che ha scelto di ritirarsi a vita privata allontanandosi dal giro del contrabbando, quando ci ritorna mette insieme alcuni vecchi amici, che gli tireranno un brutto scherzo.  Quando lui lo capisce allora passa alle maniere forti, e si salvi chi può, soprattutto se pesti i piedi alla famiglia toccando persone che non centrano nulla.
Questo film è un remake diretto dallo stesso regista che ne ha fatto la versione americana, è un buon prodotto d'azione che riesce a intrattenere abbastanza bene, anche se non è un capolavoro fa il suo sporco lavoro di divertire e tenere in tensione, anche se non siete patiti di film d'azione vi cattura dall'inizio alla fine.
Bravissimo Mark Whalberg come sempre, che riesce a caratterizzare il suo personaggio dandogli la giusta dose cazzuta che gli dona, altrettanto bravi tutti gli altri attori del cast soprattutto Giovanni Ribisi che interpreta l'amico di cui Chris non si può fidare.
Il film inoltre preferisce concentrarsi sulla narrazione piuttosto che sulla spettacolarità di scene pompose e roboanti, ma costruendo una trama ricca di tensione e colpi di scena capaci di tenere lo spettatore incollato alla poltrona, e scusate se è poco, oggi film del genere ne fanno pochi, molti preferiscono usare il 3D, che rende finto il tutto, altri preferiscono narrare la storie in maniera semplice e schietta, relegando il film agli attori e alla recitazione, oltre che alla storia.
Certo non aspettatevi roba alla Scorsese o alla Mann, se vi aspettate questi nomi vi assicuro che il film non vi piacerà, ansi potete trovarlo addirittura noioso, ma se volete un semplice film fatto bene senza nessuna pretesa allora è il film che fa per voi.
DA COLLEZIONARE.





Commenti

  1. Mi manca, mi sa che lo recupero. Grazie per la segnalazione...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.