Passa ai contenuti principali

Breakfast on Pluto


Lo dico subito:
ho sempre stimato Neil Jordan come regista, sin dalla prima volta che ho visto il bellissimo La moglie del soldato, che spero di recuperare e recensire nel blog il più presto possibile, poi ovviamente ho recuperato un bel po' di film che ha diretto, e ovviamente continuo ancora oggi.
Questo film ragazzi è una sorpresona di quelle che non ti aspetti; mi aspettavo un film drammatico e forse anche triste e invece mi sono trovata un opera intelligente, ironica che parla di una persona, in questo caso un uomo, che è nato con un corpo che psicologicamente sente di non appartenergli, suo padre è il prete cattolico locale, che lo ha avuto da una sua governante, ben presto la donna se ne va a farsi un altra vita e così lo affida alla tabbaccaia.
Il giovane cresce fino a quando non capisce che deve trovare una sua precisa identità sessuale, e quando la trova, la famiglia adottiva lo rinnega e va a vivere con un gruppo di amici nell'irlanda degli anni settanta, in pieno fermento di ribellione e occupazione con gli inglesi.
Il personaggio di Patrick, così eccessivo e stravagante non è rappresentato come una caricatura come succedeva per esempio con film come Il vizietto, che oltre la caricatura mostravano una eccentrica e vivace famiglia di omosessuali con due attori grandissimi come Ugo Tognazzi e Michel Serrault, qui invece Patrick è una persona con cui lo spettatore di qualsiasi tendenza sessuale sia, si riconosce subito per diversi aspetti che seppur possono essere lontano da noi e dalla nostra vita, riescono comunque ad apparire molto familiari, c'è un evidente identificazione con la sensibilità di Patrick, che è magistralmente interpretato da un grandissimo Cillian Murphy, e lui da dove era uscito? L'ho sempre visto come il cattivo del primo batman di Christopher Nolan, regista per altro che apprezzo molto, e nel film di Wes Craven, qui invece interpreta un personaggio completamente all'opposto di quelli con cui il pubblico lo ha conosciuto e fa centro a primo colpo, perchè Patrick, è una ragazza in tutto e per tutto, ha solo il corpo di un uomo, e allora dopo la morte del suo amico si mette alla ricerca delle sue radici, cominciando da sua madre, la trova ma capirà che la sua strada non si incrocia con lei.
Non è la prima volta che Neil Jordan si cimenta in pellicole che raccontano l'omosessualità e in questo caso il travestitismo, ha sempre sostenuto una sensibilità e una capacità di raccontare il loro mondo in maniera seria, pacata, senza criticare o giudicare e succede anche in questo film che ritengo sia uno dei suoi migliori, la regia stilisticamente è una bomba, spregiudicata, sincera e schietta, e mette in primo piano Murphy perchè di questo film è il protagonista, e nonostante sia tratto da un romanzo, come la maggioranza dei film di Jordan, devo dire che risulta originale, in conclusione un film da non perdere, per me è un capolavoro e non sto esagerando nel dirvelo.
Buona Visione
CAPOLAVORO






Commenti

  1. Questo film è splendido, come è splendida la colonna sonora.
    E la moglie del soldato idem.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. son daccordo Cillian Murphy poi è un signor attore ^_^

      Elimina
  2. anche per me è un capolavoro, senza se e senza ma, uno dei pochi che ho visto due volte al cinema.
    qualcuno dice che è un film minore di Neil Jordan.
    quindi Neil Jordan è un genio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi lo dice? Dai non ci posso credere :D Secondo me è uno dei migliori, ed è sorprendente la capacità di Jordan di non rispettare le aspettative dello spettatore e conquistarlo scena dopo scena :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.