Passa ai contenuti principali

L'inglese


Steven Soderbergh, dirige un film incentrato su un uomo in cerca di vendetta, a guardarlo sembra un noir classico, girato alla vecchia maniera.
Il film racconta di un uomo distrutto dal dolore per la morte della figlia in un incidente stradale, Wilson, ecco il suo nome non crede a questa tesi, e si mette alla ricerca di Terry Valentine uno spietato produttore cinematografico in odor di mafia, per scoprire la verità e vendicare la morte della figlia, con cui Valentine aveva una relazione.
Un film intrigante senza dubbio girato da un ispiratissimo Steven Soderbergh, che avvolte quando gli viene riesce a dirigere film con il cuore, questo film è da recuperare innanzitutto perchè riesce a catturare l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine, senza stancarlo mai, poi perchè la trama non risulta mai banale o artificiosa.
E' un film narrato soprattutto, un opera sincera che non richiede nient'altro che l'attenzione dello spettatore, e ti da esattamente tutto quello che lo spettatore chiede, e i piccoli grandi film fanno esattamente questo.
Ma c'è anche la struttura narrativa del film che è come un puzzle in cui lo spettatore è chiamato a sbrogliare l'intricata matassa di segreti e bugie costruite da Valentine, per poterne uscire fuori pulito come un lenzuolo bianco.
Terence Stamp sa come interpretare il suo protagonista, e lo si nota per ogni scena offrendo una interpretazione schietta e spiccata, altrettanto bravo è Peter Fonda nel suo ruolo di antagonista, mette in scena il menefreghismo e l'egoismo del suo personaggio, che per uscire pulito da una situazione farebbe qualsiasi cosa, l'importante è non rovinare l'immagine di persona per bene.
Che il film sia un atto d'accusa verso la borghesia in generale è abbastanza evidente da diversi motivi, Wilson è un uomo della strada, sa quello che è, si è fatto pure la galera, non chiede nient'altro dalla vita perchè sa già come finirà; diversamente è il discorso per Valentine: lui è uno ricco, un uomo corrotto e conosce tutti i mezzi per farla franca anche quando non dovrebbe, ha i soldi e il potere per mascherare il marcio anche quando è evidente.
Ma l'uomo della strada riuscirà a punirlo come? Dovete guardare il film per saperlo.
Un piccolo grande film che è passato ingiustamente inosservato e merita una riscoperta da parte del pubblico.
DA COLLEZIONARE.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.