Passa ai contenuti principali

Noi siamo infinito

Questo film è una delle sorprese cinematografiche dell'anno.
Quando ho visto che la protagonista di questo film era Emma Watson, ho storto subito il naso decidendo di soprassedere dal vederlo: cosa mi ha fatto cambiare idea?
Lo dico subito, leggendo le recensioni della blogosfera, a  cominciare dalla recensione di MrFord, per poi continuare con altri bloggers, dopo la lettura di queste recensioni mi convinco a vederlo.
Durante la visione ho avuto emozioni contrastanti, ma in senso positivo e mi avvicinavo empaticamente alle personalità dei protagonisti, che sono ragazzi fuori dagli schemi.
La cosa sorprendente è la capacità di esprimere sentimenti in maniera semplice non è roba da tutti i giorni, Noi siamo infinito è tratto da un romanzo scritto dal regista stesso che ha fatto la versione cinematografica.
Di per se sembra quasi un rischio, in molti hanno cercato di fare una versione cinematografica dai loro libri e non sempre i film hanno riscontrato il successo che cercavano.
A differenza si può dire che Noi siamo infinito, punta a giocare la carta della nostalgia, ci sono molte influenze al cinema di John Huges, pur personalizzando l'opera e creando un film sincero e fresco, che a differenza di tanti altri, che sono incapaci di avere una struttura propria da una impronta e un suo stile unici.
Chboski riesce a dare un suo parere parlando di ragazzi normali, non di ragazzi popolari, creando un alchimia unica con il pubblico che si riconosce nei protagonisti.
Il protagonista è un outsider, timidissimo che non riesce a familiarizzare con i compagni di scuola, fino all'arrivo di due fratelli: Patrick e Sam.
Con l'oro l'alchimia dell'amicizia scatta a primo colpo, e il nerd, Charlie, protagonista del film capisce di aver trovato gli amici giusti, anche se deve trovare il modo di aprire il suo cuore a Sam, cosa che si rivela assai difficile.
Un film che mostra quanto sia difficile trovare una strada su cui riconoscerci, e quanto sia assai complicato dopo che l'hai trovata trovare il coraggio di percorrerla.
Gli adolescenti di Chboski non pretendono di essere vincenti, sono così e devi prenderli per come vengono descritti, nè più nè meno.
Il loro mondo è fatto di musica, di sensibilità e di allegria, non è certo un mondo per i ragazzi più popolari della scuola, che pretendono tanto dai soliti imbranati.
Bravissimi i tre protagonisti, splendida la colonna sonora che cercherò di avere, fatta di classici brani come Heroes di David Bowie, che è presente nella scena più bella del film, quella in cui Sam apre le braccia sulla capotta per volare chiudendo gli occhi.
In conclusione un film sorprendente e bellissimo che racconta i giovani senza particolari effetti speciali, in modo naturale e mai edulcolorato  e banale.
Un film che merita un posto nella vostra collezione.
DA NON PERDERE





Commenti

  1. film davvero ottimo. Senza se e senza ma.

    RispondiElimina
  2. mi è sfuggito, ma lo cerco, impossibile non farlo dopo aver letto il post

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.