Passa ai contenuti principali

Train de vie - Un treno per vivere

Questo è un signor film, signore e signori preparate il vostro lettore dvd, perchè Train De vie è un film da possedere perchè?
Innanzitutto è una storia originale, e molto prima di Benigni, ha parlato della shoah in maniera brillante.
La storia è alquanto semplice, anche se in un primo momento può sembrare difficile, ma -  e qui sta la fase geniale del film - considerando che il film è costruito come una bellissima favola sulla libertà, in cui un paesino di ebrei capiscono che i nazisti stanno per venire a prenderli, fanno di tutto per trovare una soluzione.
La trova il matto del paese - chiamalo matto - prendere un treno per trovare la strada giusta per non farsi beccare.
Il film ha una particolarità, che poi si capirà verso la fine; posso solo dire di guardarlo attentamente perchè la soluzione è molto semplice e assai drammatica.
Ciò che ho capito io, è che questi ebrei protagonisti del film, non cercano una soluzione alla shoah, ma forse una via di fuga dalla realtà.
Il film è costruito come una favola, come un desiderio di trovarsi in un posto differente di dove realmente si è, capitemi non è facile non dire, ma avvolte le parole che non dicono fanno intuire molto.
E' un film particolare e mi ha colpito molto positivamente.
Diversissimo dal film di Roberto Benigni, anche se gli somiglia moltissimo, sicuramente è un pelino superiore, e meritava certamente più di un riconoscimento.
Avvolte sono i piccoli film quelli che dimostrano davvero di essere grandi, e Train De vie è un piccolo capolavoro da non perdere assolutamente, soprattutto se amate le storie di speranza, che mostrano uno spiraglio su dove vogliamo andare e soprattutto su ciò che vogliamo essere.
Sicuramente è un film sulla libertà, la regia è asciutta e nitida, Radu Mihaileanu, che nella vita è ebreo, non fa un film tutto lacrime incentrato sul dramma, lui fa un opera capace di far riflettere cercando di fare avvicinare il pubblico coniugando empatia e comprensione; e non è da tutti i giorni riuscire in questa impresa.
Un piccolo grande film che non può assolutamente mancare nella vostra collezione.
Buona Visione.
CAPOLAVORO



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.