Passa ai contenuti principali

Beautiful Creatures - La sedicesima luna

Mi aspettavo un altro Twilight, o un nuovo Harry Potter, con mia grande sorpresa invece sono rimasta conquistata da questa storia. Primo capitolo di un altra saga fantasy, simile a Potter ma con una differenza, che la protagonista è una giovane streghetta, che vive in un paese bigotto.
La ragazza fa amicizia con un ragazzo che ha il dolore della morte della madre e si rifugia nei libri, lei ha il dono della magia, ma incombe una maledizione legata a un antenata e al compimento del 16° anno dovrà scegliere se diventare strega buona o strega cattiva.
La ragazza vessata dalle compagne di scuola per ignoranza e bigotteria, è una autentica outsider, che dovrà sciogliere il mistero legato a una sua antenata, facendo una scelta che la dividerà dal ragazzo di cui nel frattempo si è innamorata.
C'è qualcuno che vuole minacciarla, come fare a sciogliere la maledizione?
Un film curioso, appetitoso e coinvolgente, che nonostante i difetti riesce a coinvolgere lo spettatore.
Protagonista femminile è Alice Englert, figlia di Jane Campion che si procura il passaporto per la notorietà, a farle da spalla sono attori di grosso calibro.
Si va da Jeremy Irons, Emmy Rossum, e Viola Davis, il coprotagonista invece è Alden Ehrenreich, lanciato da Francis Ford Coppola e ora si prepara ad essere un divo con questa saga fantastica.
Andiamo al dunque, nonostante le aspettative non fossero alte, mi sono ricreduta.
La pellicola è stata una piacevole sorpresa, dall'inizio alla fine uno dei suoi pregi è quello di tenere alta l'attenzione dello spettatore; in sostanza si tratta di un film fatto abbastanza bene capace di non annoiare mai, forse il regista si lascia un po' andare con gli effetti speciali, ma fattostà che il risultato risulta molto realistico e mai banale.
Pur contestando una facile presa di coinvolgimento presso il pubblico delle ragazzine, direi che in confronto al polpettone Twilight, questo sia decisamente un passo in avanti.
Si tratta per lo più di un opera di intrattenimento, che va presa così come viene e bevuta come la vostra bibita preferita, una volta terminata ti rimane un bel ricordo, riuscirà a prendere il posto di Harry Potter nel cuore dei fans? O meglio non prendere il posto, ma avere lo scettro accanto al maghetto? Io credo proprio di si.
APPETITOSO.






Commenti

  1. Film innocuo e a tratti banalissimo, ma sono rimasto piacevolmente sorpreso pure io. C'è qualcosa di più sotto, peccato che sia troppo timido e non esca mai fuori del tutto, il che da la maggior pecca a questa pellicola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh non è certo un capolavoro, ma si fa vedere molto bene coinvolge ma si tratta di un opera di intrattenimento ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.