Passa ai contenuti principali

L'esorcista

Signore e signori tenetevi forte, ecco a voi L'esorcista, no no tranquilli, è solo una recensione.
Ok lo so il film è particolarmente forte, anche perchè io ho la versione integrale e avevo paura di spaventarmi molto, alla fine la paura era l'attesa della visione che la visione stessa.
Questo è un capolavorone, una bomba spaccaculo, come direbbe Lorenzo Lorant, eh si, uuuh ora sono più rilassata, ora si...prima di scrivere la recensione sono stata assalita da una strana tensione, ora bene o male mi è passata, ma andiamo al film.
Il film è un capolavoro assoluto nella storia del cinema, e soprattutto horror con la H maiuscola, non come quelli che fanno ora. I giovani dovrebbero guardare più film e lasciare le mode ai dilettanti, come fanno Tarantino e tanti altri; voi mi dite che centra Tarantino? Io vi consiglio di guardare i suoi film e poi scoprire gli autori che lo hanno ispirato, apparentemente questo consiglio non centra niente, ma invece centra, perchè è da questi registi che si impara l'arte del cinema di genere, oltre a Friedkin, dovrebbero guardare Carpenter e Romero, che sono i due autori horror più  di punta, e poi POI fanno un film.
L'esorcista narra la storia della piccola Regan, interpretata da una giovanissima Linda Blair che è posseduta da un demone che la tormenta, la madre è una attrice divorziata che non crede in Dio, e affida la piccola nelle mani dei medici, ma si accorgono fin subito che la bambina per quanto riguarda la salute non ha niente, allora il medico le consiglia di consultare un esorcista.
Il problema è che nessuno li compie più gli esorcismi, come risolvere la situazione? Ci pensa un giovane prete a chiamare un prete anziano che compie il rito, sarà lungo e faticoso, ma dovranno affrontare anche segreti nascosti, che sono legati a un altro demone molto più pericoloso di quello che si aspettano.
Un film grandissimo che tiene col fiato sospeso dall'inizio alla fine, le scene sono particolarmente raccappriccianti, ma l'orrore è più psicologico che fisico, e ci sono momenti in cui si salta dalla sedia.
William Friedkin dirige un classico del cinema horror, che entra a pieno titolo nella leggenda e ha dato inizio a un Frnachise che non ha aggiunto molto a questo film, i seguiti restano in ombra di questo film, almeno da quello che ho letto.
In conclusione, un filmone, di quelli da collezionare, non con un semplice dvd o roba simile, ma nella copia più ricercata e piena di extra del migliore blue ray che è uscito sulla piazza - sempre che sia uscito - magari nella versione limited ediction, speriamo che la faranno uscire.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.