Passa ai contenuti principali

Risky Business - fuori i vecchi i figli ballano

E' una delle commedie simbolo degli anni ottanta.
Risky Business racconta di un adolescente che resta solo in casa, cosa che tutti noi vorremmo avere per un po' di tempo.
La cosa che gli succede è un po' matta ma ne vale la pena, soprattutto se si ritrova in casa una ragazza bella come Lana.
Quello che non sa è il mestiere che Lana svolge, ma forse sarà l'occasione per entrambi di cambiare vita e lei di mollare il suo protettore.
E' innegabile, Risky Business è stato il film in cui Tom Cruise è diventato una star rivelandosi al grande pubblico.
Il film è divertente per diversi motivi, primo di tutti quello di far casino con la casa a tua disposizione e fare quello che ti pare senza che i genitori ti rompano le scatole; secondo è trovarsi una bella fanciulla che ti coinvolge in un business che può farti arricchire.
Una commedia frizzante e trasgressiva che non è mai banale, anzi è spregiudicata, allegra, casinista che diverte scena dopo scena.
Tra le scene cult segnalo il ballo in camicia e mutande di Cruise proprio all'inizio del film, quando i genitori sono andati via.
E' chiaro che ci troviamo tra uno dei cult che hanno segnato gli 80s, e considerato che sono passati 30 anni dalla sua uscita direi che il film è invecchiato bene, non un capolavoro ma un cult, questo è  poco ma sicuro, bella anche la colonna sonora che include anche In the air tonight di Phil Collins, musiche dei Tangerine Dream.
La regia non pretende di essere geniale, ma è fresca e sincera, vuole solo raccontare una storia in maniera semplice e diretta e ci riesce.
In conclusione, un titolo appetitoso che sa essere un cult senza pretendere chissà che cosa, e forse sta in questo la sua grande forza trascinante.
CULT.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.