Passa ai contenuti principali

Jurassic Park II - Il mondo perduto

Ed ecco il tanto atteso seguito di Jurassic Park, anch'esso tratto da un romanzo di Michael Crichton, ovviamente i pareri a confronto col primo film si sprecano, ma diciamoci la verità, pur essendo un gradino sotto stilisticamente parlando del primo film, resta comunque una buona opera di intrattenimento.
Stiamo comunque parlando di Steven Spielberg, uno dei registi più innovatori della storia del cinema, non stiamo mica parlando di un principiante qualsiasi.
Ed ecco che lo zio Steve, sforna un altro blockbuster, e ci regala come sempre grandi emozioni, bastano solo queste frase per andare a vederlo; ma il cinema si sa è anche intrattenimento.
Pur seguendo le regole del genere avventura, azione regala anche suspance, ma qui non siamo nel parco, i dinosauri ora vivono liberi in un isola, nessuno sa di quest'isola apparte Hammond - Richard Attemburugh, che in questo capitolo appare quasi in un cameo - e suo nipote, che vuole prendere un cucciolo di T-Rex per  inserirlo in un parco di divertimenti.
In questo secondo capitolo il protagonista è Ian Malcolm, si proprio lui, interpretato da Jeff Goldblum che va nell'isola per riportare a casa la sua fidanzata; con lui arriva anche un altra persona: sua figlia.
Ebbene si, i nostri amici questa volta dovranno vedersela con il nipote - il vero antagonista del film - di Hammond, che vuole farsi i soldi, ma gli equilibri della natura non conoscono il denaro, e presto o tardi ci saranno delle conseguenze.
Spielberg fa il suo seguito riuscitissimo per carità di Jurassic Park come ho detto pocanzi, con attori diversi come Julianne Moore scoperta nel film Il fuggitivo, Vince Vaughn, Pete Postelwait e Peter Stormare.
Sono due ore e passa di divertimento coinvolgente, con effetti speciali piuttosto realistici, più ricercati del primo episodio, diciamo che ne seguono il percorso creativo.
Per un regista conosciuto come il papà dei blockbuster, che per molti resta più una colpa che un merito io comunque la penso diversamente, al cinema odierno c'è di peggio - un esempio tra tutti Michael Bay, che cerca di copiarlo in tutto e per tutto senza mai trovare una impronta registica, come succede con Spielberg -
nonostante sia un seguito The Lost World aggiunge molto al franchise tratto dai romanzi di Crichton, cercherò di vedere anche il terzo capitolo, che ancora non l'ho visto, e si parla anche di un quarto capitolo della saga di imminente uscita.
Considerando che la regia stuzzica lo spettatore coinvolgendolo nella storia, come sapeva fare un tempo il caro zio Steve; direi che è un film da collezionare, un seguito fatto abbastanza bene che non mette in ombra il primo capitolo, ma che aggiunge tensione scena dopo scena, e cosa volete di più dalla vita?
DA NON PERDERE


Commenti

  1. L'avevo visto ma non lo ricordo proprio, giuro. Mi era piaciuto così tanto Jurassic Park che questo proprio mi era scivolato addosso...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.