Passa ai contenuti principali

Prince of Persia, e le sabbie del tempo

La Disney e Jerry Bruckeimher producono un altro blockbuster, questa volta non tratto da un attrazione disney, ma da un famoso videogioco degli anni ottanta.
Prince of Persia e le sabbie del tempo, si presenta come il primo capitolo di un Franchise tratto dal video gioco Prince of Persia, e parla di un giovane che è stato adottato, coinvolto in una battaglia con i suoi fratelli dallo zio Nizam con l'inganno, ufficialmente per evitare che la città Alamut potesse attaccare la Persia con delle armi per combattere contro di loro.
I due giovani credendo di fare una cosa giusta per il loro paese, assaltano la città e prendono le armi, tra cui un antico pugnale con il manico di vetro che ha il potere di andare indietro nel tempo, ma la principessa per riottenere quell'arma, va incontro al giovane che l'ha sottratta, e respinge le accuse dell'invasore.
Il suo compito è riottenere l'arma non per scopi combattivi, ma perchè c'è in gioco qualcosa di più pericoloso e profondo: Se l'arma viene a contatto con una speciale clessidra c'è il rischio che l'intera umanità muoia.
Una volta tornato a casa il giovane, che ormai è un eroe agli occhi del suo popolo, lo zio gli da una veste e il giovane la porge al padre, ma succede che il padre perde la vita perchè la veste si incendia, il giovane principe, creduto colpevole dell'omicidio per sbaglio il giovane usa il pugnale e vede cosa è successo in realtà, allora torna indietro per convincere lo zio della sua innocenza, trovando un amara sorpresa: tutto ciò in cui aveva creduto prima è solo una menzogna, e il colpevole di tutto è lo zio - e non faccio spoiler a dirlo - che ha fatto in modo di avere il pugnale per compiere un azione deprovevole.
Ma cosa vuole ottenere in realtà lo zio?
Un bel film d'avventura ricco di scene spettacolari con effetti speciali davvero super, e per un blockbuster è un grande pregio, certo non è un capolavoro ma ti tiene incollato alla poltrona facendoti divertire, con l'intrigo di un mistero da risolvere, chi ha ucciso in realtà il re? E per quale motivo l'ha fatto? Cosa nasconde in realtà lo zio? La città di Alamot è veramente una minaccia o c'è qualcosa sotto? La principessa darà una mano a risolvere il complicato intrigo, che somiglia molto ad un amletico ingrippo.
Faranno altrettanto i fratelli acquisiti del principe, e smaschereranno il colpevole, che non farà di certo una bella fine.
Basta, non dico altro, anzi si, se volete divertirvi senza aspettarvi un capolavoro ma sano intrattenimento è il film che fa per voi, è sinceramente è un buon film, diretto da Mike Newell, che negli anni novanta ci ha conquistati con un film come 4 Matrimoni e un funerale, prossimamente nel blog.
INTRIGANTE.




Commenti

  1. Sarà che del videogame ci ho giocato a tutte le versioni a partire da quella del 1990 però questo film mi era piaciuto tantissimo di per sé.
    Una baracconata spettacolare e divertente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido, al videogioco non ci ho giocato, ma il film è stato divertente e coinvolgente :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.