Passa ai contenuti principali

Promised Land

Gus Van Sant torna al cinema, chi frequenta questi luoghi sa dell'ammirazione che ho per questo regista tanto da dedicargli l'anno scorso una rassegna.
Bene, Promised Land, doveva essere il primo film da regista di Matt Damon, ma per impegni presi non ha potuto occuparsene; ci ha pensato il suo amico Gus Van Sant.
E devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo film, anche se ammettiamolo non è il migliore di Van Sant, ma credo che questa cosa passi in secondo piano dato che la trama del film è molto coinvolgente.
Tutto si svolge in una piccola città, dove una lobby cerca di comprare terreno per una lobby del gas naturale, la Global e dovrà fare i conti con un ambientalista che gli metterà i bastoni tra le ruote.
Steve Butler - interpretato da un bravissimo Matt Damon - dovrà scontrarsi con l'attivista per poter comprare i terreni che gli abitanti sono decisi a non cedergli, nonostante tutto dovrà anche rendersi conto che le cose non sono mai come appaiono, e c'è qualcosa che non torna come farà a capire l'intricato imbroglio che si cela nella lobby in cui lavora?
Lo devo dire, un bel film che affronta con coraggio i diversi lati in cui una grande azienda usa come una doppia faccia per l'unico motivo importante, il denaro.
Steve è un giovane coraggioso che dapprima si mostra leale verso l'azienda tanto da difenderne gli interessi, ma quando scopre che l'azienda fa il doppio gioco - chi ha visto il film sa di cosa parlo, chi non l'ha visto è una chiave di lettura per capirlo - allora non ci sta.
Si può guadagnare dappertutto, ma a quale scopo se a pagarne sono i cittadini?
Un film che è un atto di denuncia sulle grosse aziende, che speculano sulla gente usando qualsiasi mezzo necessario per guadagnare.
Quando si dice che le lobby non guardano in faccia nessuno per guadagnare, questo film ne è un esempio lampante; è il capitalismo baby bisogna soltanto guadagnare anche se questo vuol dire prendere per i fondelli la gente.
Non è il miglior film di Van Sant, ma è decisamente un ottimo film, capace di sensibilizzare il pubblico facendogli aprire gli occhi su ciò che nascondono queste famose lobby di potere.
Il finale del film è allucinante, non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa, ma vi assicuro che colpisce come un pugnale.
Gus Van Sant ha fatto un ottimo lavoro, soprattutto grazie alla narrazione con cui ha scelto di girare questo film. Non vi spaventate se ha dei tempi morti, di solito quando si sceglie la narrazzione ci si concentra di più sui personaggi e sul loro punto di vista, beh con un film del genere non poteva essere altrimenti.
Brava come sempre Frances McDormand, attrice che apprezzo molto, qui interpreta la collega di Steve, che come lui non sa niente delle macchinazioni dell'azienda.
Un film sorprendente capace di parlare del lato oscuro delle lobby e urlarlo creando una sensibilizzazione totale con il pubblico, e di questi tempi è una cosa più unica che rara.
DA NON PERDERE.






Commenti

  1. gus van sant non delude (quasi) mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa è una di quelle volte:(

      Elimina
    2. fossi in te toglierei il (quasi) è comunque un film davvero interessante.

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.