Passa ai contenuti principali

Les Misérables

Dal più famoso musical degli anni ottanta ecco la versione cinematografica diretta da Tom Hooper e interpretata da Anne Hathaway, Hugh Jackman e Russell Crowe.
Diciamo subito che questa versione è il musical del famoso capolavoro di Victor Hugo che racconta di un uomo Jean Valjant, che è stato imprigionato con l'accusa di furto per aver rubato un tozzo di pane per sfamare il suo nipotino e salvargli così la vita, è stato condannato a 19 anni di prigione.
Rilasciato grazie a un armistia, l'uomo cerca di ricostruirsi una nuova vita e una nuova identità, grazie all'atto generoso di un prete che invece di accusarlo di aver rubato i candelabri, gliene da altri, facendo in modo di non dargli pene e dolori.
Passano gli anni e con il nome di Mounsieur Madeleine, dirige una fabbrica tessile in cui lavora una giovane ragazza madre, Fantine, che accusata ingiustamente di concedere le sue grazie agli uomini sposati viene licenziata.
Madeleine, ritrova la ragazza per strada a prostituirsi, ma è malata e la sua bambina rischia di rimanere da sola, così è lui a occuparsi di Fantine fino al giorno della morte e prende con sè Cosette, togliendola dalle mani di due furfanti, ma deve fare i conti con Javert, l'interggerrimo secondino che ha scoperto la sua vera identità gli sta alle costole, e non intende mollare la presa, passano comunque gli anni e Cosette ormai diventata più grande si innamora di un giovane...Valjant fa una scelta difficile per salvare la giovane da Javert...
Un film appassionante, un musical dalla struttura teatrale che colpisce nel profondo questo ritorno di Tom Hooper, che dopo Il discorso del re, sceglie di mettere in scena un film completamente diverso, ma questa volta ha rispettato alla lettera il musical originale.
Nonostante sia coinvolgente e appassionante, il film ha dei piccoli difetti, la molta teatralità che appesantisce un pochetto la scorrevolezza del film, che sembra sia una rappresentazione teatrale piuttosto che un film, nonostante ciò e pur non essendo un capolavoro, si fa vedere molto bene dagli spettatori anche a una vena drammatica coinvolgente; poi c'è la regia un po' didascalica e fin troppo celebrare, che stilisticamente non lo rende un grande film.
Le cose migliori? Hugh Jackman, Russell Crowe e tutto il cast di attori, che rendono il film coinvolgente dall'inizio alla fine, in particolare Hugh Jackman, mi è piaciuto più di tutti perchè mi ha dimostrato che oltre ad essere uno strafigo, è anche molto bravo, che dentro questo attore tutto muscoli si cela anche un talento? La dimostrazione di questa pellicola ne è la prova evidente, aspetto altre pellicole che mi confermano che può essere anche un grande attore, speriamo di si.
Anne Hathaway la conosciamo tutti, non è male come attrice e nella parte di Fantine ha datto davvero una bellissima prova, con un oscar meritatissimo, il suo ruolo molto commovente mi ha colpita parecchio.
D'altro canto il film non è davvero male, anzi ve lo consiglio soprattutto se amate le storie dalla parte dei più deboli, come da sempre scriveva il grande Victor Hugo, io cercherò il romanzo e spero di leggerlo il più presto possibile.
APPETITOSO.






Commenti

  1. 'na lagna di film come pochi :)

    RispondiElimina
  2. A me è piaciuto molto, e te lo dice uno che i musical non li regge. Russell Crowe mi è piaciuto moltissimo e non mi è sembrato affatto stonato come dicevano alcuni. Anne Hathaway è la mia attrice preferita (l'ho sempre seguita, sono stato il primo a criticarla e a elogiarla) e vederla con l'Oscar in mano mi commuove ancora adesso. La sua è la performance femminile del decennio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah performance femminile del decennio non dire, sicuramente è stata molto brava e l'oscar l'ha meritato :)

      Elimina
  3. noia mortale a parte quando canta crowe, in quel caso grosse grasse risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si dice? I gusti sono gusti c'è pco da fa...

      Elimina
  4. A me è piaciuto molto, perché in generale amo i musical.. aspettavo da tempo che Hugh Jackman cantasse finalmente al cinema. Bravissima anche Anne Hathaway.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.