Passa ai contenuti principali

Upside down

Questo film sembra una fiaba, un opera fantastica, con strabilianti effetti speciali e al centro di tutto una storia d'amore.
Si perchè la confezione che ci viene presentata, mostra due protagonisti cattura spettatori come Jim Strugees e Kirsten Dunst, che dovrebbero essere i moderni Romeo e Giulietta della situazione, che vivono in due pianeti diversi: l'uno sopra l'altro.
Possono solo sfiorarsi la mano, perchè altrimenti se uno attraversa l'altro mondo rischia di bruciare.
Il film presenta due mondi paralleli, nel mondo di sopra ci sono i ricchi, che controllano il mondo di sotto dove ci sono i poveri, i primi sono vincenti, gli altri no e bla bla bla.
Detto così sembra che sia una storia che attira, ma ahimè è vero solo in parte, se da una parte il film presenta uno stile superbo, con degli effetti speciali particolarmente curati e ricercati, dall'altra parte per la storia d'amore si allontana dalle emozioni; eh però che senso ha non fare palpitare i cuori delle spettatrici? La storia ha delle grandi potenzialità, ma il regista invece di approfondire i personaggi e i loro sentimenti si concentra troppo sullo stile, facendo in modo di buttare la pietra e poi ritirarla: ma perchè così non si fa.
In questo film manca qualcosa che lo rende unico, non è un brutto film, ma neanche un opera che resta impressa nella memoria, è intriso di romanticismo, ma la passione è messa da parte, ma come giri un film d'amore e non ci metti l'ingrediente più importante?
Il film resta una fiaba che si potrebbe bere in un bicchiere d'acqua, belle  le scenografie e le musiche, ottimi gli effetti speciali, il problema è soprattutto il plot.
Ovviamente non mancano i guardiani dei due mondi che devono tenerli separati perchè appartengono a mondi differenti, a questo il regista non ha osato facendo una critica sulle differenze dei protagonisti.
Sembra un opera che sa di già visto e sa di vecchio, non offre nulla di originale e innovativo, un occasione sprecata anche per i due protagonisti, che solitamente apprezzo molto, che reggono il peso di un film che non  li valorizza come meriterebbero, così danzano il loro balletto contornati da mirabolanti effetti speciali, oltre questo non offre nulla.
Peccato.






Commenti

  1. L'hai detto con parole diverse, ma il succo è identico a quello della mia recensione! Vedo che la pensiamo allo stesso modo! Iscritta! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, un film riuscito a metà, aveva grosse potenzialità che non sono state espresse, benvenuta alla Fabbrica dei Sogni :)

      Elimina
  2. a me ha indispettito parecchio : con un'intelaiatura visiva di lusso come questa racconta poco o nulla e ci hanno speso 60 milioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma narrativamente si sono risparmiati parecchio, quando è proprio lì che dovevano dare il massimo, peccato :(

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.