Passa ai contenuti principali

The Departed - Il bene e il male

Scorsese gira il suo secondo remake, dopo l'immenso Cape Fear il promontorio della paura, stavolta è il turno di una pellicola asiatica Infernal Affair, e lo fa mettendo dentro il suo pupillo Leonardo Di Caprio, che viene affiancato da un cast di tutto rispetto composto da Matt Damon, Mark Whalberg, e dai veterani Martin Sheen e Jack Nicholson, prima volta per lui in un film di Martin Scorsese.
Non ho visto l'originale, rimedierò a breve e vi farò sapere, stasera ci concentriamo su The Departed.
E' una pellicola che spacca di brutto letteralmente, l'ho visto diverse volte, e tutte le volte mi stupisco della forza coinvolgente del film, in scena ci sono due poliziotti, tutti e due sotto copertura, uno (Di Caprio), si inserisce nel clan del mafioso (Nicholson) L'altro,(Damon) che è diventato poliziotto apposta per inserirsi nella polizia e controllarla, aiutando il mafioso nei suoi traffici, il mafioso non sa che al suo fianco c'è un poliziotto sotto copertura, nè la polizia sa che c'è un mafioso che è diventato poliziotto, è un doppio gioco tra le parti, che come una scacchiera, e per ogni affare si muovono le pedine, con il rischio della scopertura da un momento all'altro, e cosa si deve fare per nascondere la verità?
E' un gioco pericoloso, perchè ci sono molti interessi in ballo, ma anche tante altre cose, il poliziotto sotto copertura imparerà tante cose dal mafioso Nicholson, mentre colui che è diventato poliziotto per dargli una mano scoprirà che è solo una pedina nelle sue mani, e allora si che le cose si mettono male...
Un film avvincente, dalla prima all'ultima scena, e non è male per un remake, in cui si capisce benissimo che Scorsese ha messo la sua mano di grande regista, perchè questo film - remake a parte - è un ottimo film, non ho la presunzione di dire che è un capolavoro, non lo direi mai, prima voglio vedere la pellicola originale per essere definitivamente convinta di ciò, e sicuramente sarà ancora più avvincente di questa, ma e dico ma, metto le mani avanti, anche perchè ancora non ho visto infernal affair e non vorrei innimicarmi i miei lettori dicendo baggianate, comunquesia, abbiamo una regia intensa ed emozionante, meno subliminante di altri capolavori da lui diretti, ma più fresca e più diretta, in maniera esplicita forse, ed è questo che mi ha colpito di un film come The Departed, una regia schietta, senza fronzoli, il cast di attori è la ciliegina sulla torta, ci sono nuovi nomi che lavorano con Marty, e sono Matt Damon il poliziotto cattivo, che offre un interpretazione misurata ma da professionista, il suo pupillo sempre bravissimo Leonardo di Caprio, il poliziotto buono, la cui interpretazione è intenza, impulsiva e naturalissima, il grande incantatore Jack Nicholson sempre professionale e stavolta più controllato, anche per lui è la prima volta con Marty, e Mark Whalberg a cui spetta comunque un certo riconoscimento insieme agli altri, che come attore sta dimostrando di saper recitare e lo fa anche abbastanza bene, Marty gli ha offerto un ruolo insolito e complesso, mi piace molto, soprattutto in questo film, e anche Martin Sheen che risulta naturale e ben calibrato, che altro c'è da dire? Ah si, film da non perdere.




Commenti

  1. Concordo. Ho sentito varie volte criticare questo film e non ne ho mai capito il perché. Davvero un ottima tacca alla causa del genere, Scorsese nuovamente grande.

    RispondiElimina
  2. e gli hanno dato persino l'oscar con questo film, è un ottimo film guardatelo e se lo hai fatto riguardatelo, per me è sempre un piacere vederlo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente l'ho già visto, magari lo riguarderò.

      Elimina
  3. anche a me era piaciuto molto, mi sa che da parte di chi lo critica è tutta invidia per Scorsese

    RispondiElimina
  4. lo riguardo volentieri, mi era piaciuto tanto!

    RispondiElimina
  5. eh anche a me ^_^ Poi sono una fan di Marty da quasi vent'anni :D

    RispondiElimina
  6. Per me che amo il genere, mi sembra piuttosto assurdo affermare che questo splendido poliziesco firmato Scorsese non sia un CAPOLAVORO!!! Lo vederei altre 100 volte, un cast stellare, una storia, che remake o non remake, è resa perfettamente sullo schermo, e le musiche? Fantastiche...

    RispondiElimina
  7. E' e rimarrà un capolavoro, per cast, per regia, per messa in scena e per storia. Niente da discutere. http://incentralperk.blogspot.it/2012/02/departed.html

    RispondiElimina
  8. anche a me è piaciuto molto , non credo che sia il suo capolavoro(diciamo che nel mio altarino personale dedicato a Scorsese ce ne sono almeno cinque davanti ), però dobbiamo dire che questo film non è farina del suo sacco. E' un remake di un film secondo me immenso come Infernal affairs di cui oltre a prendere la storia americanizzandola e con un cast molto "cool", in molti frangenti ne imita alla perfezione anche i movimenti della macchina da presa nelle sequenze. E comunque gli Oscar presi hanno il sapore di un contentino per un autore ignorato dall'Academy anche per film migliori di questo. Poi mi faccio un'altra domanda: è giusto dare un Oscar a un remake sostanzialmente molto fedele all'originale ( che naturalmente i giurati dell'Academy non avevano visto o conoscevano?)...Scusate se mi sono dilungato!

    RispondiElimina
  9. si sono anche d'accordo, però dobbiamo dire che è stato bravo a fare un remake fedele all'originale, infernal affairs è già in lista e lo vedrete prossimamente tra i film da recensire quindi ci sarà spazio anche per lui per quanto riguarda l'oscar si, dovevano darglielo molto prima, ma si sa, i membri dell'academy premiano a seconda di come gira il vento, anche se Marty è un regista che merita l'oscar nessun dubbio sul suo talento registico, ha fatto la storia del cinema e credo che su questo siamo tutti d'accordo. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.