Passa ai contenuti principali

Bel Ami - Storia di un seduttore

Ennesima trasposizione del romanzo di Guy de Maupassant, con Robert Pattison che cerca in tutti i modi di dimostrare che oltre al vampiro Edward Cullen, è capace di fare vari ruoli, ora non sono come si dice una fan di Pattison, ma devo dire che so riconoscere quando un attore è bravo, qualità che Pattison almeno in questo film non ha, però è da ammirare la sua forza decisiva per uscire dal ruolo che lo ha reso famoso, anche se devo dire la verità non ha tutto lo charme di George Duroy, e nemmeno la sensualità di un uomo capace di sedurre tre donne, andarci a letto e poi mollarle per far carriera, perchè lui è molto giovane per il ruolo e apparte Christina Ricci, la più giovane tra le attrici le altre due sono piuttosto in età avanzata, una Uma Thurman ha superato i quaranta e l'altra Kristin Scott Thomas addirittura i cinquanta, ma forse va bene così, infondo si parla di un uomo che per far carriera e diventare qualcuno lo da alle donne per farsi aiutare dai loro mariti, il gioco sta tutto qui, bravissima Kristin Scott Thomas che come sempre dimostra una professionalità superlativa che si mangia praticamente tutti, le fa da spalla anche Uma Thurman, sono loro due le migliori del cast di attrici, Christina Ricci invece l'ho trovata sottotono, comunque sia la storia del film l'ho trovata affascinante, intrigante, in effetti stiamo parlando di un uomo che per diventare qualcuno entra nei letti di signore per bene riuscendo a sedurle tutte e a farsi un nome, diventando una persona rispettabile, nonostante ciò è una pellicola che rispecchia molto chi gioca con i sentimenti altrui per ottenere ricchezza e prestigio, quindi non stiamo parlando di un santerellino, come dicevo pocanzi, ci voleva un attore con la faccia da schiaffi, non Robert Pattison, che nonostante il suo impegno recitativo, è parecchio inespressivo e non ha la grinta per interpretare un "bastardo" che usa le donne e poi le butta via per quanto riguarda il regista, non lo conosco bene, quindi non posso parlare molto in merito, ma per accettare di girare un classico si può dire costruito per Pattison direi che è una pellicola costruita a puntino per le sue fans, a lungo andare non è che un film che bene o male si lascia vedere volentieri, seppur con le sue imperfezioni, l'ho trovato godibile e abbastanza coinvolgente.
NON MALE.




Commenti

  1. non l'ho visto e non so se lo voglio vedere perchè Pattinson mi respinge da ogni film in cui partecipa...ah ah ah !

    RispondiElimina
  2. a me è sembrata una robette decisamente modesta...

    RispondiElimina
  3. si non è un grande film, ma comunque godibile, di certo non dobbiamo aspettarci grandi cose, Pattison per questo ruolo è sbagliatissimo, ha una faccia troppo pulita, ci vuole un tipo dalla faccia da bastardo per fare questo ruolo ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.