Passa ai contenuti principali

Prima che sia notte

Secondo lungometraggio di Julian Schnabel, presentato a Venezia nel 2000 e vincitore della coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile al grandissimo Javier Bardem, che interpreta il ruolo di Reinaldo Arenas, uno scrittore cubano, che a causa della sua omosessualità viene perseguitato dal regime di castro, perchè vivendola alla luce del sole e frequentando anche altri omosessuali come lui finisce per mettersi nei guai, anche per una finta accusa di molestie a minori, trappola che gli ha organizzato un amico per levarselo di torno.
Schnabel dirige un film intenso con lunghe inquadrature e un racconto degno e sincero tratto dal romanzo che Arenas scrisse in prigione che da il titolo al film che racconta la sua vita, nei quartieri poveri dove è nato descrivendo la sua famiglia, e poi la passione per la scrittura che è nata fin dai banchi di scuola, la scoperta dell'omosessualità, la prigionia, l'uscita di prigione e il suo scontrarsi con il regime di Castro, ecco cosa è stata la vita di Reinaldo Arenas, un uomo che ha combattuto contro il regime di Fidel Castro, appena è stato imprigionato con una falsa accusa, le torture, le sofferenze e le umiliazioni, sono descritte in modo sincero e spietato, riuscendo a colpire nel profondo lo spettatore, anche grazie al bravissimo Bardem, che qui è talmente naturale da riuscire a mettere fuori tutte le emozioni, succede questo con Prima che sia notte, che è descritto come un racconto narrato in prima persona dal suo autore narrando le difficoltà della vita sotto un regime dittatoriale per un artista e per di più se è omosessuale è ancora peggio, la difficoltà ad esprimere la sua arte, i suoi lavori vengono sempre fatti uscire clandestinamente da Cuba e riscuotono un grandissimo successo, tanto da raccogliere premi, poi c'è l'esilio da Cuba con un nuovo amore e la vita negli stati uniti d'america, fino alla scoperta della malattia ovvero L'Aids e la conseguente morte, che Schnabel lascia in medias res, con un finale aperto in cui lo spettatore capisce benissimo come andrà a finire.
E' un film che commuove, riuscendo a fare della denuncia del regime di Castro con una sincerità disarmante attraverso la vita di un uomo, uno scrittore, che non si vergognava di vivere liberamente la sua omosessualità, e Julian Schnabel che non sta solo dietro la macchina da presa, ma ci accompagna nella vita di Reinaldo in silenzio, come farebbe un amico speciale, che vuole che tu capisca qualcosa in più della vita.
Da non perdere i camei di Johnny Depp in un doppio ruolo, quello del travestito e dell'ufficiale, e il cameo di Sean Penn, che è davvero irriconoscibile, ma forse un occhio astuto riesce a riconoscerlo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.






Commenti

  1. lo vidi qualche tempo fa...una delle prove migliori di bardem, anche il romanzo non scherza però, quasi quasi rileggo/rivedo tutto :)

    RispondiElimina
  2. si è molto bello come film, il romanzo non l'ho letto, cercherò di recuperarlo :)

    RispondiElimina
  3. l'ho visto qualche anno fa, e ricordo un film forte e Bardem super.
    un'altra Cuba, purtroppo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.