Passa ai contenuti principali

La Cosa

Per molti è il miglior film in assoluto di John Carpenter, per me che l'ho visto che sorpresaaaa ma che è successo? Mi sono trovata davanti a un film tra i più impressionanti che abbia mai visto in vita mia, se credevate che Alien vi abbia spaventato di brutto, forse ancora non avete visto La Cosa di John Carpenter, che è il remake del film diretto da howard hawks, in cui prossimamente vedrete la recensione alla fabbrica La cosa da un altro mondo tratto dal racconto Who Goes There di John W Campbell.
Il film è uscito nel 1982, lo stesso anno di ET di Spielberg, e a differenza della pellicola Spielberghiana non ha avuto il successo che meritava, anche perchè si è accettato di più un alieno benefico che un alieno che assorbe gli esseri umani e li uccide, va da se che con il passare del tempo è diventata una pellicola di culto, ma ragazzi potete dire quello che volete il film spacca di brutto, non ho visto la pellicola di hawke, perciò non posso fare confronti, però posso dire che gli effetti speciali di Bottin sono talmente realistici da far accapponare la pelle, solo quelli? Il film è il primo capitolo anche della trilogia dell'apocalisse, che continuerà con Il signore del male altro capolavoro Carpenteriano, e terminerà con Il Seme della Follia la storia è alquanto semplice, un elicottero cerca di abbattere un cane, ma qualcosa non va perchè a lasciarci la pelle per un errore di lancio della bomba muore una persona e l'elicottero esplode, ad arrivare sul posto sono due uomini, che si accorgono che nella campo norvegese, non sono soli, e trovano un cane che dopo aver subito un orrenda mutazione divora e distrugge gli altri cani.
Il dottore che è lì con loro cerca di dare una spiegazione all'accaduto analizzando i resti di quella che possiamo definire una cosa, si scopre che può assorbire una specie fino a tramutarsi in essa, da questo momento in poi chiunque può essere infettato se questa cosa si avvicina a loro e cominciano sospetti, sfiducia per ogni persona che si trova nel luogo dove la cosa alberga, è inutile dire che tutti sono in pericolo, e che ognuno di loro può lasciarci la pelle in maniera alquanto raccapricciante, riusciranno almeno in pochi a salvarsi?
Ma che cosa c'è? Con questo film sembra che Carpenter abbia incontrato Cronenberg e ci abbia fatto colazione insieme, scusate lo scherzo, ma le agghiaccianti mutazioni e gli effetti speciali, mi hanno fatto pensare al cantore del body horror, in quanto gli effetti speciali del film sono alquanto realistici e raccapriccianti, frutto del mago Rob Bottin che ha creato la cosa.
Protagonista è ancora l'attore feticcio di Carpenter Kurt Russell, che smessi i panni di Jena Pliskenn, si avventura in norvegia a cercare di capire il perchè, sarà l'inizio di un incubo senza fine, perchè il film lascia un finale aperto, in cui lo spettatore decide il destino dei sopravvissuti, detto questo non ho spoilerato, anche perchè sapete che odio farlo, in conclusione un filmone per me è davvero un capolavoro, perchè oltre agli effetti speciali agghiaccianti da fare accapponare la pelle, c'è l'abilità di John Carpenter di tenere alta la tensione dello spettatore, come per riuscire a capire se si salveranno dal pericolo imminente rappresentato appunto dalla cosa, magistrale anche la colonna sonora curata dal nostro Morricone, per una volta Carpenter non cura le musiche ma si concentra sul film, che è uno splendido omaggio al suo regista preferito Howard Hawks.
CAPOLAVORO ASSOLUTO.



Commenti

  1. Un capolavoro di tensione e paranoia, sicuramente uno dei migliori Carpenter... tra l'altro, ha messo un sacco d'ansia anche a me :P

    RispondiElimina
  2. si le scene sono terribilmente impressionanti, ma cavolo spaccano di brutto ^_^

    RispondiElimina
  3. L'ho visto di recente: capolavoro! complimenti per il blog:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.