Passa ai contenuti principali

Will Hunting - genio ribelle

E' il film della maturità di Gus Van Sant, che grazie alla sceneggiatura firmata a quattro mani da Matt Damon e Ben Affleck, gira Good Will Hunting, questo è il titolo originale del film, che ha negli autori della sceneggiatura l'attore principale - Damon - e il comprimario - Affleck - gli fanno da spalla altri attori Robin Williams, che per questo ruolo vincerà l'oscar e Stellan Skarsgard, uscito direttamente dal cinema di Lars Von Trier per approdare a Hollywood, nel ruolo del professore che scopre le qualità geniali di Will Hunting, un inserviente che pulisce i pavimenti di un importante istituto che si trova a svolgere questo lavoro come attività socialmente utile per scontare una pena, un giorno una ragazza scopre che ha risolto un problema complicato di Algebra che solo i grandi studiosi riescono a risolvere, e che potevano farlo soltanto in pochissimi, comincia la ricerca alla misteriosa persona in grado di risolvere l'enigma, chi può essere? Lo scopriranno presto, si tratta di Will Hunting, un ragazzo ribelle e impulsivo che si mette continuamente nei guai, il professore gli fa una proposta che non può rifiutare, lo fa uscire dai guai, ma in cambio dovrà andare da uno psicologo e andare alle sue lezioni o meglio cercare di capire le sue qualità, la ricerca di uno psicologo si rivela difficoltosa, in quanto le persone chiamate non sono in grado nè di capirlo nè di aiutarlo, l'ultima spiaggia? Uno psicologo vedovo, sarà lui che capirà le reali tendenze del ragazzo e riuscirà ad andare in profondità per scoprire il perchè sia così impulsivo e ribelle, ma questo psicologo dovrà anche scontrarsi con il professore, che vorrebbe già inserirlo in posti di rilievo, mentre lui vorrebbe che fosse il ragazzo a scegliere la strada più giusta, in completa libertà, senza pungolarlo, o manipolarlo o come vorrebbe fare il professore, cercare di guadagnare su questo ragazzo, nella strada di Will si imbatte anche una ragazza di cui si innamorerà, e capirà che la persona più giusta è colui che gli insegnerà a leggere nel suo cuore, per trovare la strada giusta.
Un film bellissimo, che lascia scossi per diversi motivi, la sensibilità con cui è scritta la storia, e una regia tanto ispirata, quanto desiderosa di comunicare che infondo i giovani hanno un cervello e un cuore, non bisogna andare loro contro, ma incontro, Gus Van Sant ha lavorato in simbiosi con Damon e Affleck e lo si nota scena dopo scena, che sul set c'era un alchimia palpabile che colpisce lo spettatore, e non sono molti i film di questo genere che riescono a parlare allo spettatore facendogli vivere la storia creando emozioni sempre nuove, un film maturo e intelligente, che aggiunge molto alla già notevole filmografia di Van Sant che dimostra di essere un autore con le palle quadrate.
Menzione speciale a Skarsgard e Williams ovvero il professore e lo psicologo, dimostrano una bravura di recitazione in modo che lo spettatore non capisce chi sia più bravo o l'uno o l'altro, in un continuo battibecco che è insieme l'anima del film e anche il punto focale nel quale il nostro protagonista è il centro cardine della storia.
CAPOLAVORO.




  Movie Quote

Se Ti chiedessi sull'arte, probabilmente mi citeresti tutti i libri di arte mai scritti, Michelangelo, sai tante cose su di lui, le sue opere, le sue aspirazioni politiche, lui e il papa, le sue tendenze sessuali. Ma scommetto che non sai dirmi che odore c'è nella cappella sistina. Non sei mai stato con la testa rivolta verso quel bellissimo soffitto. Mai visto! Se ti chiedessi sulle donne, probabilmente mi faresti un compendio delle tue preferenze. Ma non sai dirmi che cosa si prova a risvegliarsi accanto a una donna e sentirsi veramente felici. Se ti chiedessi dell'amore, probabilmente mi diresti un sonetto. Ma guardando una donna non sei mai stato vulnerabile.

Nessuno di noi è perfetto, io non sono perfetto e nemmeno tu sei perfetto...ciò che conta è capire se siamo perfetti l'uno per l'altro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.