martedì 3 luglio 2012

Cloverfield

Primo e finora unico esperimento, in cui il ben noto e da me tanto odiato reality movie viene trasferito su un altro genere cinematografico, e menomale che è stato l'unico esperimento, altrimenti si sarebbero girati tanti cloni di Cloverfield, e la cosa sarebbe stata di difficile digestione, devo dire però che nonostante tutto Cloverfield sembra girato abbastanza bene, è realistico e si allontana da quei filmetti  che hanno distrutto un genere cinematografico tra i più leggendari della settima arte, beh d'altronde alla cabina di produzione  c'è JJ Abraams, all'uscita si pensò all'arrivo del mostro dell'isola di lost a New York, ma poi si è capito subito che era un altro film differente, che non aveva nulla a che fare con la serie tv.
Ebbene l'inizio è travolgente, si parte con un messaggio, questo filmato appartiene al governo degli stati uniti, lo spettatore capisce subito che sta per assistere a qualcosa di drammatico, e in effetti le immagini di persone tranquille dell'inizio fino alla fine ti portano a vivere una giornata da incubo, e piano piano, si arriva alla catarsi mostruosa che cambierà tutto quanto, all'inizio, conosciamo i personaggi, le loro storie e i loro amori, poi dobbiamo vivere con loro la drammatica e catastrofica esperienza dell'arrivo del mostro, la distruzione della città e la morte delle persone a loro care, il tutto avviene durante il party di compleanno di uno di loro, in cui la ragazza lo lascia pure.
Che dire, tra la tanta spazzatura dei reality, ogni tanto qualcosa di interessante esce fuori, d'altronde JJ Abraams ha studiato bene la cosa, per fare incuriosire i fans di lost, e credere che ci fosse un legame tra il film e la serie tv, alla fine si assiste a un prodotto piacevole, studiato molto bene e con astuzia, nonostante sia anche un reality movie, ha anche momenti di vero panico, in sostanza è un piccolo film girato bene, che ha una sua precisa struttura e una logica che abbraccia il reality movie, - non potrebbe essere altrimenti visto che parla di persone normali - allontanandosi dai soliti clichè con i quali si presenta sempre senza lasciare tracce nè brividi, questo invece incuriosisce perchè è accattivante, in conclusione, un operazione riuscita, che riesce laddove altri film non sanno esprimere con semplici battute ormai aggrappandosi a stereotipi, con Cloverfield non succede questo, perchè il film ha una sua precisa identità.
DA COLLEZIONARE.


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...