Passa ai contenuti principali

Cloverfield

Primo e finora unico esperimento, in cui il ben noto e da me tanto odiato reality movie viene trasferito su un altro genere cinematografico, e menomale che è stato l'unico esperimento, altrimenti si sarebbero girati tanti cloni di Cloverfield, e la cosa sarebbe stata di difficile digestione, devo dire però che nonostante tutto Cloverfield sembra girato abbastanza bene, è realistico e si allontana da quei filmetti  che hanno distrutto un genere cinematografico tra i più leggendari della settima arte, beh d'altronde alla cabina di produzione  c'è JJ Abraams, all'uscita si pensò all'arrivo del mostro dell'isola di lost a New York, ma poi si è capito subito che era un altro film differente, che non aveva nulla a che fare con la serie tv.
Ebbene l'inizio è travolgente, si parte con un messaggio, questo filmato appartiene al governo degli stati uniti, lo spettatore capisce subito che sta per assistere a qualcosa di drammatico, e in effetti le immagini di persone tranquille dell'inizio fino alla fine ti portano a vivere una giornata da incubo, e piano piano, si arriva alla catarsi mostruosa che cambierà tutto quanto, all'inizio, conosciamo i personaggi, le loro storie e i loro amori, poi dobbiamo vivere con loro la drammatica e catastrofica esperienza dell'arrivo del mostro, la distruzione della città e la morte delle persone a loro care, il tutto avviene durante il party di compleanno di uno di loro, in cui la ragazza lo lascia pure.
Che dire, tra la tanta spazzatura dei reality, ogni tanto qualcosa di interessante esce fuori, d'altronde JJ Abraams ha studiato bene la cosa, per fare incuriosire i fans di lost, e credere che ci fosse un legame tra il film e la serie tv, alla fine si assiste a un prodotto piacevole, studiato molto bene e con astuzia, nonostante sia anche un reality movie, ha anche momenti di vero panico, in sostanza è un piccolo film girato bene, che ha una sua precisa struttura e una logica che abbraccia il reality movie, - non potrebbe essere altrimenti visto che parla di persone normali - allontanandosi dai soliti clichè con i quali si presenta sempre senza lasciare tracce nè brividi, questo invece incuriosisce perchè è accattivante, in conclusione, un operazione riuscita, che riesce laddove altri film non sanno esprimere con semplici battute ormai aggrappandosi a stereotipi, con Cloverfield non succede questo, perchè il film ha una sua precisa identità.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.