Passa ai contenuti principali

Man In Black III

Premessa:
Da questa settimana alla fabbrica dei sogni sbarcano le pellicole che escono nelle sale cinematografiche, che avranno priorità uguale ai film dedicati alle rassegne cinematografiche, ecco una sorpresa dell'estate regalata da questo blog ai suoi lettori, buon divertimento e buona visione con i consigli cinematografici, belli o brutti che sono recensiti sempre dalla sottoscritta.
Barry Sonnenfield risvecchia il franchise con cui è diventato famoso negli anni novanta, ed ecco uscire al cinema Man in Black 3, ad essere sincera durante la visione mi sembrava di assistere ad un film ormai che non è più al passo coi tempi, nonostante ci siano scene accattivanti, mi sa di vecchio, se i primi due capitoli, erano ricchi di scene che in un certo senso riuscivano a rendere alta l'attenzione dello spettatore, grazie alla bravura di J e K che qui si ritrovano per un viaggio del tempo per salvare K da un alieno che lo vuole distruggere, ed ecco che J si ritrova a fare i conti con il K giovane per poterlo salvare, e non sarà un impresa facile, anche perchè dovrà convincerlo a seguirlo, ma come fare quando K non ci crede? In un susseguirsi di scene spettacolari il nostro eroe dovrà fare in modo di salvare la pelle al suo socio ci riuscirà?
Si nota una certa mancanza di idee per Barry Sonnenfield, che nonostante la trama non rispecchi originalità - sembra di assistere a un capitolo sui generis di ritorno al fuguro - cerchi in qualche modo di girare per il terzo capitolo del suo franchise qualcosa di cool, ma il risultato è visibile, questo terzo capitolo non aggiunge nulla di nuovo alla saga, e così anche Man in Black diventa una trilogia, nonostante ci siano effetti speciali superlativi ed attori che nonostante tutto sanno fare bene il loro mestiere, da sottolineare la presenza di Emma Thompson, nel ruolo dell'agente O l'unico personaggio nuovo che ritengo molto cool, e direi che rende il suo personaggio abbastanza tosto e accattivante, e Josh Brolin nel ruolo di K fanno la loro bella figura, contornati anche dai nostri due eroi Will Smith e Tommy Lee Jones, i cattivi sono disegnati che sembrano degli sfigati che si battono grazie a un colpo di bastone in testa, non incuotono nè paura nè timore nè sanno tenere testa ai buoni,  come succedeva nei capitoli precedenza, ecco, nonostante la bravura dei protagonisti il film è piuttosto deludente, che non presenta l'ironia istrionica dei due capitoli precedenti, ed è sorretto solo dagli attori principali, che se non ci fossero, sarebbe un filmetto di fantascienza qualsiasi, peccato, un occasione sprecata.





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.