Passa ai contenuti principali

Thank you for Smocking

Opera prima di Jason Reitman, tratta dall'omonimo romanzo di  Christopher Buckley, ed è narrato in prima persona da Nick Naylor, un lobbista del tabacco.
Ma cos'è un lobbista? Il lobbista si occupa di parlare bene del prodotto dell'azienda che rappresenta, e nell'america salutista parlare bene del tabacco più che altro può causare dei problemi.
Nick Naylor è un maestro nel propagandare l'industria che rappresenta, si scontra con un senatore che vuole  mettere un bollino alle sigarette interpretato da William H Macy, e si scontra anche con altre persone che combattono il fumo dicendo che fa male e che provoca il cancro, l'inizio nella trasmissione tv è folgorante, ci troviamo Nick Naylor accanto a un ragazzo malato di cancro che combatte con la sua malattia, e difende l'industria del tabacco causando irritazione nelle persone presenti, ma chi è Nick?
Jason Reitman fa si che lo spettatore entri in simbiosi con Naylor, facendo intelligentemente in modo che lo spettatore si faccia un parere razionale sul lavoro di Nick, il cui lavoro alcuni potrebbero trovarlo discutibile, ma ovviamente, una persona che sa quali rischi si corrono se inizia a fumare, certamente non inizia  a farlo, è anche vero che il personaggio nonostante tutto riesca ad risultare simpatico, perchè Nick è quello che è, nel bene o nel male rappresenta una lobbie del tabacco, quindi il film non fa sapientemente una morale, ma ovviamente capita che certe persone non apprezzino la sua difesa assoluta all'industria del tabacco, perciò lo riempono di cerotti e gli dimostrano che se fuma anche solo una sigaretta può lasciarci la pelle.
Il film parte benissimo, ed è incentrato su Naylor, il lobbista, l'uomo, il padre e naturalmente l'amico, che con la squadra MDM ovvero i mercanti di morte, che sono suoi amici la donna, lobbista dell'alcool e l'uomo lobbista delle armi, si incontrano dopo il lavoro e mangiano insieme, dopo uno di questi incontri si imbatte in una sexy giornalista, che con la scusa di fare sesso con lui gli ruba i suoi segreti per scrivere un articolo e far carriera.
E' un brillante esordio alla regia per Jason Reitman con una commedia politicamente scorretta, originale, acuta, in cui ogni personaggio riesce nell'intento di entrare nella memoria dello spettatore, la cosa più intensa del film ovviamente è il rapporto tra Nick Naylor e suo figlio interpretato da Cameron Bright, ma è l'interpretazione di Aaron Eckhart, la vera forza motrice del film, che riesce a caratterizzare Naylor senza falsi complessi e con un ironia, pungente e acuta, ma è anche una critica sull'industria del tabacco - eh non poteva mancare ovvio - che cercando di evitare il falso moralismo fa comprendere allo spettatore che per i soldi le sigarette possono apparire più belle di come la società salutista le dipinge, forse per questo le persone cominciano a fumare.
DA NON PERDERE.



Movie Quote
Se il tuo lavoro è dire la verità, non puoi avere torto.
Io non nascondo la verità, la filtro.
Noi non vendiamo tic tac porca vacca. Vendiamo sigarette. Sono Fiche, disponibili e danno assuefazione. Il lavoro è praticamente già fatto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.