Passa ai contenuti principali

Love and Secret

Love and Secrets è tratto da una storia vera, questa è la storia di un matrimonio troppo perfetto per essere vero, lui è un giovane brillante e affascinante, si chiama David e con il padre gestisce un azienda di finanziamenti, lei Kathy è una giovane e solare ragazza americana di cui si innamora, hanno tutto per essere felici, una bella casa, soldi a palate, tanti amici ma qualcosa non quadra, ben presto durante una festa una vecchia amica di suo marito le dice qualcosa legata all'infanzia dell'uomo che ha sposato, raffiorano segreti che piano piano sconvolgeranno la sua vita, ma di cosa si tratta? Suo marito ha visto morire la madre suicida davanti ai suoi occhi, da quel momento cominciano a riaffiorare come le pedine del domino che cadono problemi legati alla psiche di David, che non ha mai risolto questo problemino nonostante sia in terapia da una analista, quando Kathy esce incinta lui la convince a non portare al termine la gravidanza, ma il peggio arriva quando la ragazza per superare il trauma dell'aborto e della solitudine si iscrive all'università, riuscendo a mietere un successo dietro l'altro per David rappresenta il simbolo del suo fallimento professionale, in quanto non riesce a mietere successi come sua moglie, e comincia ad essere violento, ma un giorno Kathy sparisce nel nulla, Che è successo a Kathy? Perchè nessuno sa spiegare cosa le è realmente successo è morta?
Il film parte bene, anche grazie a un cast di attori affiatatissimo in cui ritroviamo Ryan Gosling, che qui è strepitoso, come anche Kirsten Dunst che dimostra di sapergli tenere testa in un ruolo difficile e maturo che ricorda molto le vergini suicide di Coppoliana memoria, Frank Langella invece interpreta un padre freddo e scostante, che sa molti segreti, e ovviamente per questione di etichetta non ne parla in giro abituato com'è a portare una maschera e a recitare il ruolo del patriarca perfetto, ma ha pessimi rapporti con David, che non gli perdona la morte della madre e con suo fratello che gli vuole sfilare il posto di lavoro, dicevo, nella prima parte il film è brillante e gioca bene le sue carte, è nella seconda che zoppica un pochino, con evidenti buchi della sceneggiatura che non approfondiscono bene gli eventi e questo è un punto a suo sfavore, che la sparizione di Kathy rimanga un caso non risolto è evidente, ma almeno concentrate meglio il personaggio di David, perchè scappa via e si traveste da donna? Per non essere riconosciuto?
Andrew Jarecki costruisce un buon film, non dico ottimo perchè non lo è, con l'unico difetto che con la parte finale non sa che pesci pigliare e si perde in un bicchiere d'acqua, peccato perchè il film aveva molte qualità per essere ottimo, resta comunque il fatto che riesce a tenere alta l'attenzione dello spettatore grazie a delle scene di forte impatto emotivo.
APPETITOSO.





Commenti

  1. Kirsten Dunst è stata immensa nel ruolo di vergine suicida. Poi si è perduta un po' dietro tessiragnatele e affini ma la potenzialità per un film del genere c'è tutta. Sono a questo punto curioso di vederlo. Grazie per la dritta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma prego, sono felice di esserti stata utile ^_^ si il suo ruolo nelle vergini suicide è stato favoloso anche in questo film è stata brava e ti piacerà ^^

      Elimina
  2. è piaciuto abbastanza anche a me, una buona storia:)

    RispondiElimina
  3. è in lista per le prossime visioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh ancora non l'hai visto? Forza guardalo e poi mi dici se ti è piaciuto ^_^

      Elimina
  4. un'occasione e un cast sprecatissimi...
    delusione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooo non ti è piaciuto? Peccato :( si in effetti nella seconda parte si perde un po' ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…