Passa ai contenuti principali

Cape Fear - Il promontorio della paura

L'avvocato Sam Bowden ha una bella famiglia, una bella casa con parco, una bella moglie, una bella figlia di sedici anni Danielle, e anche un cagnolino dolcissimo, ma Sam Bowden ha anche qualcos'altro, un errore commesso quando era un avvocato alle prime armi, commesso in buona fede preso dalla coscienza in un caso di stupro, su una donna considerata di facili costumi, ha occultato un rapporto per fermare Max Cady mandandolo in prigione per 14 anni, ora Max Cady è uscito di prigione, e renderà la vita impossibile all'avvocato e alla sua famiglia, prima uccide il cagnolino, poi aggredisce e pesta a sangue una ragazza con cui Sam è in simpatia, poi si avvicina a Danielle, la figlia dell'avvocato, che con la scusa di essere un professore di recitazione le parla, cercando di stabilire un contatto, inquietante la scena in cui lei gli succhia il pollice, quando Sam trova nello zaino della ragazza della marijuana capisce subito, e si mette in contatto con Kerserk uno sbirro dai modi non convenzionali, ma capace di fare il lavoro sporco per far rispettare la legge, quando Cady viene pestato da dei balordi la persecuzione aumenta ancora di più, Sam peggiora ulteriormente la situazione, ora le cose sembrano rivoltarsi a favore di Cady che riesce a fare emettere al giudice un ordinanza restrittiva contro Sam Bowden e l'avvocato di Cady cerca persino di farlo espellere dall'albo degli avvocati, ma Cady non ha giocato bene le sue carte, perchè nella sua fortuna, non si è accorto che Sam può mettere a punto un suo piano, riuscirà questa volta ad assicurare alla sua famiglia serenità liberandosi da quello psicopatico?
Primo Remake di Martin Scorsese, che rispetto all'originale aggiorna in maniera più esplicita, sia nel linguaggio che nelle scene, la pellicola originale verrà visionata prestissimo, limitiamoci a parlare di questo remake, Max Cady è interpretato da un Robert De Niro in forma strepitosa, nell'originale il suo ruolo era di Robert Mitchum che è presente in questo film in un piccolo ruolo del capo della polizia, è presente anche Gregory Peck il Sam Bowden dell'originale che interpreta un avvocato ancora.
In questo film Scorsese non ha freni inibitori, linguaggio scurrile, scene di violenza, allusioni sessuali, rispetto al regista della prima pellicola che era piuttosto limitato grazie al codice hayes, qui si scatena, riuscendo ad essere originale e ancora più inquietante, e non è da tutti i giorni essere originali dirigendo un remake, solo un grande regista come Martin Scorsese ci riesce, grazie alla sua abilità di saper creare tensione e inquietudine ad ogni scena, poi il cast del film è in forma smagliante e lo si nota dall'inizio alla fine, la fotografia che va dai colori in positivo al negativo per sottolineare l'incubo che li sta per travolgere a cui siamo tutti delle prede.
Da sottolineare i titoli di testa curati da Elein e Saul Bass, storico collaboratore di Alfred Hitchcock, in conclusione un bellissimo remake che riesce a tenere la tensione dall'inizio alla fine, non gli do il capolavoro, perchè è un remake ma sicuamente è un opera immensa che merita di essere collezionata.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. Un film inquietantissimo con un De Niro in forma smagliante (tra l'altro per il Fingerling di Numero 23, Jim Carrey ha preso moltissimo spunto da lui!).
    L'originale devo ancora vederlo anche io...

    RispondiElimina
  2. si deve essere unico l'originale, ma questo film ti mette una tensione palpabile che non ti molla :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.