Passa ai contenuti principali

The Millionaire

Jamal ha l'ultima domanda per vincere il premio massimo a chi vuol essere milionario, ma come è arrivato fin qui? Danny Boyle sbarca a Bombay, e dirige un film spettacolare, vincendo persino gli oscar come miglior film e miglior regia.
Il film, mostra anche la vita di un bambino povero a ritroso, e racconta come da povero sia arrivato fino alla trasmissione chi vuol essere milionario vicino alla vittoria massima, il film è anche un confronto, tra il giovane che grazie a un gioco riesce a diventare miliardario, e il conduttore che per racimolare la stessa cifra ha dovuto sgobbare parecchio e viene dagli stessi quartieri di Jamal, ma cosa succede dietro le quinte? E soprattutto come è stata la vita di Jamal bambino? Orfano, sempre con i suoi amici e l'amica del cuore che poi da grande diventa qualcosa in più Latika, tra gli incontri e scontri con briganti e ladri, e sfruttatori di bambini ecco che il mondo affascinante dell'india viene rappresentato grazie a una storia coinvolgente che intriga e conquista, e che lascia interdetti attraverso gli imbrogli di chi ha dovuto lavorare sodo per ottenere quello che ha, e non ritiene giusto che un ragazzino come lui possa raggiungere la ricchezza solo rispondendo a delle domande, arriva persino a suggerirgli una risposta sbagliata purchè lo faccia sbagliare e se ne torni a casa, ma Jamal è a chi vuol essere milionario per un motivo preciso, che si scoprirà alla fine del film e che è legato a Latika, la ragazza di cui è innamorato e che nonostante sia cresciuto insieme a lei non ha mai dimenticato, riuscirà a realizzare il suo sogno? Non vi resta che guardare il film.
Un film come The Millionaire sembra scontato che potesse vincere un oscar, potreste dire che è anche banale o chi che sia, eppure è un gran bel film, dalla regia alla colonna sonora sono curate nei particolari, bellissima la fotografia che esalta i colori dell'india, come anche la colonna sonora ricca di sapori orientali Danny Boyle dirige una pellicola originale coinvolgente, che riesce ad entrare nei cuori degli spettatori, grazie all'identificazione dei personaggi che avviene in modo spontaneo e disinvolto, tutti possiamo essere Jamal, e tutte possiamo essere una Latika che attendono il momento giusto per realizzare il proprio sogno e vivere un amore grande lontano dalla povertà, in modo che si possano realizzare i nostri desideri e le nostre aspirazioni, sarebbe bello un mondo così non è vero? Danny Boyle riesce a catapultare lo spettatore nel sogno o anche nell'illusione che tutto questo può succedere anche a noi, e per una volta lasciatemelo dire sognare qualcosa di grande almeno al cinema ci fa sentire un po' meglio per due ore, tanto si sa, che poi arriva la realtà dei fatti.
Ma tra il sognare e il realizzare qualcosa può avvenire di sicuro proprio come è successo a Jamal.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. Un bel film, anche a me era piaciuto, Danny Boyle ha dimostrato, oltre a essere bravo, di sapersi anche arruffianare pubblico e critica. Incensato comunque oltremisura.

    RispondiElimina
  2. si è vero se l'è saputo arruffianare, la storia comunque è capace di coinvolgerti, il che non è poco ^_^

    RispondiElimina
  3. Quanto mi è piaciuto questo film! Danny Boyle ha fatto un'altra volta centro... ho adorato soprattutto le scelte di montaggio, geniali!http://incentralperk.blogspot.it/2012/02/millionaire.html

    RispondiElimina
  4. si è piaciuto molto anche a me ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.