Passa ai contenuti principali

The Millionaire

Jamal ha l'ultima domanda per vincere il premio massimo a chi vuol essere milionario, ma come è arrivato fin qui? Danny Boyle sbarca a Bombay, e dirige un film spettacolare, vincendo persino gli oscar come miglior film e miglior regia.
Il film, mostra anche la vita di un bambino povero a ritroso, e racconta come da povero sia arrivato fino alla trasmissione chi vuol essere milionario vicino alla vittoria massima, il film è anche un confronto, tra il giovane che grazie a un gioco riesce a diventare miliardario, e il conduttore che per racimolare la stessa cifra ha dovuto sgobbare parecchio e viene dagli stessi quartieri di Jamal, ma cosa succede dietro le quinte? E soprattutto come è stata la vita di Jamal bambino? Orfano, sempre con i suoi amici e l'amica del cuore che poi da grande diventa qualcosa in più Latika, tra gli incontri e scontri con briganti e ladri, e sfruttatori di bambini ecco che il mondo affascinante dell'india viene rappresentato grazie a una storia coinvolgente che intriga e conquista, e che lascia interdetti attraverso gli imbrogli di chi ha dovuto lavorare sodo per ottenere quello che ha, e non ritiene giusto che un ragazzino come lui possa raggiungere la ricchezza solo rispondendo a delle domande, arriva persino a suggerirgli una risposta sbagliata purchè lo faccia sbagliare e se ne torni a casa, ma Jamal è a chi vuol essere milionario per un motivo preciso, che si scoprirà alla fine del film e che è legato a Latika, la ragazza di cui è innamorato e che nonostante sia cresciuto insieme a lei non ha mai dimenticato, riuscirà a realizzare il suo sogno? Non vi resta che guardare il film.
Un film come The Millionaire sembra scontato che potesse vincere un oscar, potreste dire che è anche banale o chi che sia, eppure è un gran bel film, dalla regia alla colonna sonora sono curate nei particolari, bellissima la fotografia che esalta i colori dell'india, come anche la colonna sonora ricca di sapori orientali Danny Boyle dirige una pellicola originale coinvolgente, che riesce ad entrare nei cuori degli spettatori, grazie all'identificazione dei personaggi che avviene in modo spontaneo e disinvolto, tutti possiamo essere Jamal, e tutte possiamo essere una Latika che attendono il momento giusto per realizzare il proprio sogno e vivere un amore grande lontano dalla povertà, in modo che si possano realizzare i nostri desideri e le nostre aspirazioni, sarebbe bello un mondo così non è vero? Danny Boyle riesce a catapultare lo spettatore nel sogno o anche nell'illusione che tutto questo può succedere anche a noi, e per una volta lasciatemelo dire sognare qualcosa di grande almeno al cinema ci fa sentire un po' meglio per due ore, tanto si sa, che poi arriva la realtà dei fatti.
Ma tra il sognare e il realizzare qualcosa può avvenire di sicuro proprio come è successo a Jamal.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. Un bel film, anche a me era piaciuto, Danny Boyle ha dimostrato, oltre a essere bravo, di sapersi anche arruffianare pubblico e critica. Incensato comunque oltremisura.

    RispondiElimina
  2. si è vero se l'è saputo arruffianare, la storia comunque è capace di coinvolgerti, il che non è poco ^_^

    RispondiElimina
  3. Quanto mi è piaciuto questo film! Danny Boyle ha fatto un'altra volta centro... ho adorato soprattutto le scelte di montaggio, geniali!http://incentralperk.blogspot.it/2012/02/millionaire.html

    RispondiElimina
  4. si è piaciuto molto anche a me ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.