Passa ai contenuti principali

The Chernobyl Diaries - La Mutazione

Ennesima trasposizione di un genere come il mocumentary, trapiantata questa volta in ucraina, un gruppo di ragazzi (sarebbe meglio definirli sfigati) che comincia un viaggio di turismo estremo, sui luoghi in cui è avvenuto il disastro nucleare di Chernobyl, all'inizio il film parte bene, ma poi si perde decisamente in un bicchiere d'acqua, perchè volete dirmi che questo film è un horror? Apparte che è stato girato con una telecamerina in mano, per tutto il tempo si sentono urla, schiamazzi, non si vede nulla di spaventoso, o meglio, sono le riprese che non mostrano nulla, solo quando dovrebbe arrivare la paura di colpo il regista non fa che smuovere convulsamente la telecamera, ma così fai venire la paura alla gente? Sinceramente di horror ne ho visti parecchi, e devo dire che tra i tanti mocumentary che ho visto se vi volete spaventare davvero, guardate [REC], e lasciate perdere questo filmetto che sembra girato da un adolescente in overdose di canne, e non da un professionista, il film sembra una parodia dei generi e sottogeneri horror, in cui non si va al punto cruciale che dovrebbe essere fondamentale in un horror, ossia quello di fare spaventare la gente, e di fargli venire la pelle d'oca, ma qui non si vede praticamente nulla, e pensare che alla produzione c'è l'Oren Peli, già creatore della serie spazzatura Paranormal Activity, se c'è qualcosa di meglio? Almeno non ci sono titoloni altisonanti, che fanno gridare a chissà quale prodigio di film di paura.
Un film dimenticabile, che se fosse stato in mani differenti magari ne avrebbe guadagnato parecchi punti in più, le riprese sono sempre fatte al buio, non si vede una cippa, ma ragazzi davvero mi volete far credere che questo è un film horror? E su quali basi? Perchè gridano come assatanati i protagonisti che vedono di tanto spaventoso? Il film, non te lo mostrerà mai, ma - e cavolo perchè far così - te lo dirà, - e grazie sai che paura, così si rovina tutto il gioco - facendo in modo che il sufflè si sgonfi in fretta lasciando solo il vuoto.
Sicuramente lascia l'amaro in bocca, perchè da questi film ci si aspetta chissà chè, ma poi una volta visti ci rimani sempre deluso, che senso ha continuare a girarli?
Il problema del film è che la trama non è stata sviluppata con precisione, quindi lo spettatore più di una volta rischia di addormentarsi, per non parlare delle riprese che sembrano quelle di un adolescente che se la sta facendo sotto dalla paura, ma che poi non ti mostra il perchè ha queste sensazioni. I protagonisti muoiono come birilli del bowling senza mai andare al dunque, non c'è una soluzione, si rimane con un mistero irrisolto perchè?
DA EVITARE.




Commenti

  1. Secondo me l'idea di fondo ci stava pure...però è davvero difficile oggi vedere un Horror sviluppato come si deve. Soprattutto registicamente parlando...Ci sono in Italia i Manetti Bros che qualche tentativo lo stanno facendo, certo hanno molto ancora da "trottare". Però sanno distinguersi almeno nel panorama nazionale. Io che rifiuto poi l'horror amatoriale, capirai, dopo aver letto anche il tuo commento negativo credo proprio che eviterò di vederlo...

    RispondiElimina
  2. ah si? I manetti bros li conosco ma non ho mai visto un loro film cercherò di recuperare qualcosina, si il soggetto non è male, ma poi la trama non l'hanno sviluppata come si deve purtroppo :(

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    Ecco finalmente il tuo blog!
    Complimenti bella selezione di film, ovviamente c'è tanto Lynch! :)

    RispondiElimina
  4. noi non lo stronchiamo così sonoramente, daltronde abbiamo visto decisamente di peggio XDDDD diciamo che, si è stato deludente perchè ci aspettavamo una cagata di film ma con qualche bel salto sulla sedia, mentre alla fine ci ritroviamo con un prodotto non malvagissimo che poteva dare decisamente di più, mentre colpa di scelte discutibili (tempistiche sbagliate, comportamenti vagamente irrazionali dei protagonisti, finale di un secondo e mezzo..) si ritrova a non essere ne un horror ne un thriller. doppio peccato!

    RispondiElimina
  5. ah capisco beh si, ci troviamo di fronte a una pellicola il cui regista non sa che strada deve prendere, e questo peggiora ulteriormente le cose ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.