giovedì 5 luglio 2012

Verso Sera

Questa volta Francesca Archibugi, affronta il difficile confronto generazionale, raccontandolo attraverso i sentimenti, non è un operazione facile, ma come protagonista ha un grande attore Marcello Mastroianni, che interpreta il suo professore con la tenerezza di un nonno a cui si affeziona alla sua nipotina, Papere, il film è incentrato su questo rapporto sottile, silenzioso e molto tenero, attraverso di esso Francesca Archibugi continua con il suo discorso sull'infanzia ma questa volta lo incrocia con il mondo difficile e controverso degli adulti, avvolte immaturi, altre volte ribelli, o incapaci, è un discorso dolente perchè ripercuote le classiche visioni dello scontro tra due generazioni, quella del professore, ormai disilluso dalla vita che trova confronto nell'amore per la nipotina ed è attraverso il suo sguardo innocente, che viviamo la storia del film che è ambientato durante le contestazioni giovanili del '77, nel pieno degli anni di piombo, il padre della bambina Oliviero, è interpretato da un giovanissimo Giorgio Tirabassi, è il figlio del professore, capellone e immaturo, porta a casa di quest'ultimo la sua compagna Stella e la bambina.
E' un film sincero e dolente, ma la Archibugi riflette molto sulle relazioni tra i personaggi e i tumulti politici, generando un opera di grande spessore drammatico, tracciando i personaggi e la loro vita con le loro motiviazioni con il punto di vista, che riflette la rabbia attraverso la quale, lo stato sociale della società viene messo in discussione attraverso l'amore, che è la parte più profonda del nostro essere, ma ha ancora senso dibattersi contro qualcuno o contro qualcosa? Non è forse più semplice guardare in faccia i nostri sentimenti e accettarli così come ci vengono donati?
Il film riflette molto su queste motivazioni dei personaggi prendendo per mano lo spettatore, facendo in modo che capisca le motivazioni di entrambe le generazioni, perchè nel bene o nel male, tutte le generazioni entrano in contrasto tra loro, se oggi è questa donna, che entra in contrasto, domani sarà sua figlia che lo farà, perchè è nell'ordine naturale delle cose, confrontarsi, discutere, anche animatamente, la cosa migliore da fare all'ultimo è accettare l'amore per come arriva, perchè è l'unica cosa importante del mondo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


2 commenti:

  1. mi ricordo quando Mastroianni mette il nipotino davanti alla lavatrice, per calmarlo.

    è un bel triste film, e merita, mi ricordo

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...