Passa ai contenuti principali

Verso Sera

Questa volta Francesca Archibugi, affronta il difficile confronto generazionale, raccontandolo attraverso i sentimenti, non è un operazione facile, ma come protagonista ha un grande attore Marcello Mastroianni, che interpreta il suo professore con la tenerezza di un nonno a cui si affeziona alla sua nipotina, Papere, il film è incentrato su questo rapporto sottile, silenzioso e molto tenero, attraverso di esso Francesca Archibugi continua con il suo discorso sull'infanzia ma questa volta lo incrocia con il mondo difficile e controverso degli adulti, avvolte immaturi, altre volte ribelli, o incapaci, è un discorso dolente perchè ripercuote le classiche visioni dello scontro tra due generazioni, quella del professore, ormai disilluso dalla vita che trova confronto nell'amore per la nipotina ed è attraverso il suo sguardo innocente, che viviamo la storia del film che è ambientato durante le contestazioni giovanili del '77, nel pieno degli anni di piombo, il padre della bambina Oliviero, è interpretato da un giovanissimo Giorgio Tirabassi, è il figlio del professore, capellone e immaturo, porta a casa di quest'ultimo la sua compagna Stella e la bambina.
E' un film sincero e dolente, ma la Archibugi riflette molto sulle relazioni tra i personaggi e i tumulti politici, generando un opera di grande spessore drammatico, tracciando i personaggi e la loro vita con le loro motiviazioni con il punto di vista, che riflette la rabbia attraverso la quale, lo stato sociale della società viene messo in discussione attraverso l'amore, che è la parte più profonda del nostro essere, ma ha ancora senso dibattersi contro qualcuno o contro qualcosa? Non è forse più semplice guardare in faccia i nostri sentimenti e accettarli così come ci vengono donati?
Il film riflette molto su queste motivazioni dei personaggi prendendo per mano lo spettatore, facendo in modo che capisca le motivazioni di entrambe le generazioni, perchè nel bene o nel male, tutte le generazioni entrano in contrasto tra loro, se oggi è questa donna, che entra in contrasto, domani sarà sua figlia che lo farà, perchè è nell'ordine naturale delle cose, confrontarsi, discutere, anche animatamente, la cosa migliore da fare all'ultimo è accettare l'amore per come arriva, perchè è l'unica cosa importante del mondo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. mi ricordo quando Mastroianni mette il nipotino davanti alla lavatrice, per calmarlo.

    è un bel triste film, e merita, mi ricordo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.