Passa ai contenuti principali

L'alba del pianeta delle scimmie

L'alba del pianeta delle scimmie, non è altro che un semplice prequel di una saga che bene o male ha fatto la storia del genere avventuroso fantascientifico, Rupert Wyatt, si allontana drasticamente dalla versione cinematografica di Tim Burton, che era un remake dell'originale pellicola degli anni sessanta, e ne costruisce un film a se stante, girato abbastanza bene che riesce a intrattenere il pubblico, certo visto che è una versione che anticipa la storia del film viene spontaneo anche fare dei confronti, ma più che confronti, cercare di capire come sia cominciato tutto, e ovviamente il film è incentrato sugli sbagli degli uomini, che quando giocano a fare Dio, la natura si ribella, perchè è  nello stato delle cose, così quando un gruppo di scienziati decide di fare degli esperimenti sulle scimmie, per combattere le cause dell'alzeimer, ecco che l'esperimento sviluppa le doti psicologiche degli animali, che non è esattamente quello che avevano cercato di fare, per questo vengono abbattute tutte tranne una, che viene salvata da un giovane dottore, lo scimpanzè viene chiamato Cesare, e il giovane dottore continua i suoi esperimenti con lui, traendo ottimi risultati.
Come spesso accade, però un animale non lo si può sempre tenere in catene, prima o poi Cesare cominciando ad apprendere vuole anche esplorare il mondo, e comincia sia l'evoluzione intellettuale, in cui impara a capire il linguaggio dei segni, sia la rivoluzione ribelle agli uomini.
E la ribellione accadrà molto prima di quanto si possano aspettare ora che altre scimmie hanno imparato a pensare con la loro testa, il finale dimostra che ben presto ci sarà un seguito a questo prequel, lo aspetterò, intanto devo dire che il film non mi è dispiaciuto, e mi ha fatto passare piacevolmente il tempo, certo dovrei recuperare i film originali del pianeta delle scimmie, forse un giorno lo farò, anche per curiosità, comunquesia si capisce benissimo che quando l'uomo non si pone limiti, malgrado operi per il bene dell'umanità, avvolte può succedere che non riesce più a controllare il mostro che ha creato, e allora deve fare di tutto per fermarlo, e non sarà di certo un impresa facile.
NON MALE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.