Passa ai contenuti principali

L'alba del pianeta delle scimmie

L'alba del pianeta delle scimmie, non è altro che un semplice prequel di una saga che bene o male ha fatto la storia del genere avventuroso fantascientifico, Rupert Wyatt, si allontana drasticamente dalla versione cinematografica di Tim Burton, che era un remake dell'originale pellicola degli anni sessanta, e ne costruisce un film a se stante, girato abbastanza bene che riesce a intrattenere il pubblico, certo visto che è una versione che anticipa la storia del film viene spontaneo anche fare dei confronti, ma più che confronti, cercare di capire come sia cominciato tutto, e ovviamente il film è incentrato sugli sbagli degli uomini, che quando giocano a fare Dio, la natura si ribella, perchè è  nello stato delle cose, così quando un gruppo di scienziati decide di fare degli esperimenti sulle scimmie, per combattere le cause dell'alzeimer, ecco che l'esperimento sviluppa le doti psicologiche degli animali, che non è esattamente quello che avevano cercato di fare, per questo vengono abbattute tutte tranne una, che viene salvata da un giovane dottore, lo scimpanzè viene chiamato Cesare, e il giovane dottore continua i suoi esperimenti con lui, traendo ottimi risultati.
Come spesso accade, però un animale non lo si può sempre tenere in catene, prima o poi Cesare cominciando ad apprendere vuole anche esplorare il mondo, e comincia sia l'evoluzione intellettuale, in cui impara a capire il linguaggio dei segni, sia la rivoluzione ribelle agli uomini.
E la ribellione accadrà molto prima di quanto si possano aspettare ora che altre scimmie hanno imparato a pensare con la loro testa, il finale dimostra che ben presto ci sarà un seguito a questo prequel, lo aspetterò, intanto devo dire che il film non mi è dispiaciuto, e mi ha fatto passare piacevolmente il tempo, certo dovrei recuperare i film originali del pianeta delle scimmie, forse un giorno lo farò, anche per curiosità, comunquesia si capisce benissimo che quando l'uomo non si pone limiti, malgrado operi per il bene dell'umanità, avvolte può succedere che non riesce più a controllare il mostro che ha creato, e allora deve fare di tutto per fermarlo, e non sarà di certo un impresa facile.
NON MALE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.