Passa ai contenuti principali

Femme Fatale

Brian De Palma ritorna al thriller e lo fa con un film che strizza l'occhio  a David Lynch e al suo Mulholland Drive per la struttura non lineare del film, anche se non ne possiede il fascino e il carisma che hanno fatto di Mulholland Drive un capolavoro.
Al centro del film c'è una Femme Fatale del titolo interpretata da una sensuale quanto perversa Rebecca Romijn, appena uscita dal cast del primo X-Men e già in cerca di emozioni forti, qui interpreta Laura, una donna che ha rubato un corpino d'oro tempestato di diamanti e ha fregato i suoi complici alla fine se lo è tenuto per se e lo ha rivenduto proprio con la complicità dell'attrice con cui si è scambiata effusioni mentre lo rubava, adesso è fuggita, ed è in cerca di una nuova identità, dopo essere stata scambiata per un altra donna,  trova quello che sta cercando, soprattutto quando assiste al suicidio della donna per la quale è stata scambiata, rifatta una nuova identità ora è in cerca della fuga e di una nuova verginità e come la trova? Sposando l'ambasciatore americano a Parigi, ma un paparazzo si mette nelle sue tracce rischiando di mandare in fumo i suoi piani, ma come riesce a non farsi fregare? Coinvolgendolo in un ulteriore piano, ma stavolta la vittima è proprio il suo prestigioso consorte...
Diciamocela tutta, Brian De Palma è senza dubbio un grande regista, a dimostrarlo ci sono filmoni come Omicidio a Luci rosse, versione riveduta e corretta de La finestra sul cortile che palesemente omaggia colui che effettivamente ha dimostrato di essere il suo mentore, non a caso De Palma è spesso citato nella storia del cinema come l'erede del grande maestro inglese Alfred Hitchcock, un altro suo grande film è Vestito Per uccidere con un grande Michael Cane e via dicendo, con Femme Fatale, cerca di riprendere il filo del discorso che lo lega a Hitchcock, ma qui vuole citare anche un altro mostro sacro del cinema che è Lynch mettendo la sensualità con cui  è pienissimo Mulholland Drive e anche una costruzione filmica in parte surreale che ne appesantisce la visione, con un finale che toglie tutta la perversione della Femme Fatale del titolo, rendendo il film riuscito solo a metà, e aveva tutte le qualità per essere un ottimo film, ma rimane però solo un buon film, che non aggiunge nulla di nuovo al grande lavoro che ha fatto De Palma con le sue precedenti pellicole, la cosa migliore del film rimane Rebecca Romjin e il suo personaggio di dark lady psicotica capace di sedurre tutti, donne e uomini che siano.
APPETITOSO



Commenti

  1. E' passato del tempo da quando guardai il film ma a me piacque e pure parecchio :)

    Io lo consiglio a tutti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.