Passa ai contenuti principali

Tra le nuvole

Dopo l'exploit di Juno che ha rivelato il talento curioso e particolare di Jason Reitman, ecco finalmente sbarcare alla fabbrica l'opera numero 3, protagonisti stavolta sono George Clooney, Vera Famiga e Anna Kendrick ci condurranno in un viaggio dove si conoscono gli ingranaggi delle aziende per poter tagliare teste, ovvero licenziare il personale.
Il protagonista è Ryan Bingham, il migliore tagliatore di teste della sua azienda, vola tra un posto all'altro per fare il lavoro sporco che i padroni delle altre aziende evitano di fare, è un asso nel suo lavoro, e  non ha rivali, ma un giorno arriva una collega più giovane che ha in mente un idea rivoluzionaria, usare il web al posto di pagare viaggi sfarzosi e si risparmia tempo  e denaro, all'inizio non trova simpatico questo cambiamento, ma piano piano inizia a instaurarsi un rapporto di stima arrivando pure a sostenerla, quando la ragazza si trova in difficoltà con i superiori, nel frattempo si invaghisce di una collega intraprendente con cui inizia una relazione, ma è davvero tutto così perfetto?
Prendendo spunto dal romanzo omonimo di Walter Kim che ha scritto nel 2001, ecco che Jason Reitman   non smentisce il suo talento dirigendo una pellicola curiosa e intrigante, allontanandosi da Juno riuscendo a dirigere una pellicola con un team diverso ma restando fedele a se stesso riuscendo ad evitare confronti con la pellicola precedente, cosa che ho trovato alquanto intelligente ed ecco che dirige un opera fresca, onesta, e sincera, che rende personalissima con una storia più adulta e matura.
Non posso ancora dire che Jason Reitman è un autore, ma posso sostenere che ha tutte le carte in regola per diventarlo, spero che non si perda in un bicchier d'acqua come poi fanno alcuni, che poi spesso e volentieri vengono citati come autori di moda.
Il trio di attori dimostra affiatamento e bravura riuscendo a risultare simpatici, quando si rischia di non esserlo non in maniera forzata, ma piuttosto cercando di entrare in modo sincero e avvolte spudorato nel cuore delle persone, come fossero vecchi amici, conosciamo la loro vita, i loro sogni, i loro pensieri, un po' come è successo con la sua opera prima, personalizzare i protagonisti e riuscendo a creare empatia è uno dei pregi per cui ho iniziato a seguire Jason Reitman.
DA NON PERDERE.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.